Sebbene nelle ultime settimane l’architetto tedesco Hermann Tilke abbia espresso più di una semplice preoccupazione sul reale avanzamento dei lavori nell’impianto coreano di Yeongam, che secondo i piani di Bernie Ecclestone accoglierà per la prima volta i bolidi della F.1 nel week-end del 22-24 ottobre 2010, l’amministratore delegato del circuito Now Yung Cho Chung si è detto convinto di essere riuscito a confezionare un evento in grado di risvegliare l’interesse internazionale. 

Nell’ultimo periodo si è parlato molto di un rinvio del Gran Premio di Corea al 2011 – ha ricordato Now Yung Cho Chung – ma in fin dei conti queste speculazioni hanno fatto pubblicità all’evento che si terrà in ottobre. Ecclestone ha già chiarito la situazione, quindi non posso far altro che ringraziarlo”.  

L’amministratore delegato di Yeongam passa quindi a spiegare quella che sarà la proposta della Corea in vista del Gran Premio di F.1: “Alle spalle abbiamo compagnie leader nella telecomunicazione del calibro di LG e Samsung. Inoltre, quando gli appassionati verranno in Corea potranno facilmente distinguere l’impianto da tutti gli altri circuiti che ospitano gare di F.1”.  

Nessun dubbio, infine, sulla sistemazione del personale delle varie squadre che sembrava dare diversi grattacapi a Ecclestone. “Ho detto fin dall’inizio che avrebbero dovuto dotarsi di tende – ha scherzato Now Yung Cho Chung – no, seriamente non vedo quali problemi potrebbero esserci. Abbiamo un nuovo aeroporto, e un viaggio in treno fino alla capitale Seoul non richiede più di tre ore. Nel nostro Paese gli alberghi non mancano, e nemmeno le camere per ospitare le persone al seguito della F.1”. 

Nella foto, le tribune del circuito in fase di realizzazione

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Sebbene nelle ultime settimane l’architetto tedesco Hermann Tilke abbia espresso più di una semplice preoccupazione sul reale avanzamento dei lavori […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/korea1.jpg L’amministratore delegato del circuito di Yeongam esprime fiducia: “Il Gran Premio di Corea sarà un successo”