Ad alcuni attenti osservatori non è sfuggito: durante il Gran Premio d’Australia, in alcuni frangenti, le ali anteriori delle Red Bull di Sebastian Vettel e Mark Webber hanno dato l’impressione di flettersi verso il basso.

Le norme più restrittive in materia introdotte durante lo scorso anno dalla FIA sembravano aver negato alla scuderia angloaustriaca di interpretare il regolamento e ottenere un importante surplus nel carico aerodinamico. Il direttore tecnico Adrian Newey potrebbe aver però trovato un altro colpo di genio per spiazzare la concorrenza.

Non a caso, a Melbourne, i meccanici del team si sono spesso trovati a dover sistemare le paratie dell’ala, evidentemente a causa del suo strisciare sull’asfalto per “sigillare” la macchina al suolo.

Per adesso Charlie Whiting, il delegato tecnico della Federazione, ha tuttavia placato le indiscrezioni dichiarando alla Bild: “Non abbiamo trovato nulla di strano, la vettura era in ordine”.

Stiamo a vedere se questo argomento accenderà il paddock di Sepang…


Stop&Go Communcation

Ad alcuni attenti osservatori non è sfuggito: durante il Gran Premio d’Australia, in alcuni frangenti, le ali anteriori delle Red […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-300311-06.jpg L’ala anteriore della Red Bull ancora flessibile? Whiting non conferma