Poco male se la squalifica per irregolarità tecnica della sua vettura gli abbia negato uno strepitoso 7° posto al debutto in Formula 1: dopo la gara di Melbourne, Sergio Perez si è già guadagnato la stima di tutto il paddock. Ciò che ha colpito del messicano è stata la capacità di gestire, meglio di chiunque altro, i pneumatici Pirelli, riuscendo a essere l’unico a effettuare un solo cambio gomme.

Questo gli ha inoltre permesso di stare davanti al compagno di squadra Kamui Kobayashi, che ha già alle spalle una stagione piena nel Mondiale.

“Ne sono rimasto sorpreso”, ha ammesso lo stesso patron Peter Sauber. “La mia prima impressione su di lui è stata positiva, avendolo seguito lo scorso anno in GP2 e avendolo visto fare un buon lavoro durante i test invernali. Ciò che ha fatto in Australia è stato però impressionante”.

“Percorrere 35 giri con gomme morbide usate è incredibile”.

Il team managaer svizzero ha confermato che la strategia iniziale non era certo quella di compiere un solo pit-stop: “Non è stata una decisione prima a tavolino, eravamo convinti di fare due o tre soste ai boz. I tempi però continuavano a essere buoni, e dopo 40 tornate abbiamo iniziato a valutare la possibilità di continuare così fino al traguardo”.

Perez si è guadagnato anche i complimenti del direttore tecnico James Key: “Sapevamo che fosse veloce, ma nessuno credeva possibile ciò che è stato in grado di compiere”.


Stop&Go Communcation

Poco male se la squalifica per irregolarità tecnica della sua vettura gli abbia negato uno strepitoso 7° posto al debutto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-310311-02.jpg La Sauber impressionata dalle performances di Sergio Perez