L’attuale contratto scade nel 2012, ma la Red Bull è intenzionata a rinnovare il rapporto di fornitura con la Renault in vista del 2014, quando in Formula 1 saranno introdotti i motori di nuova generazione.

La scelta di proseguire oggi con i V8 transalpini (adottati dal 2007), nonostante le trattative tenute con la Mercedes nelle ultime due estati, sta decisamente dando i suoi frutti, come dimostra il dominio della RB7 nelle mani di Sebastian Vettel.

“Abbiamo sempre cercato di essere associati a un grande costruttore, e la Renault rimane la nostra priorità per un accordo dal 2013 in poi. Le discussioni sull’argomento sono andate molto bene quando ci aspettavamo di dover utilizzare il quattro cilindri. Siamo arrivati molto vicini alla firma”, ha confessato ad Autosport il boss Dietrich Mateschitz.

“Ora, con il passaggio ai V6 dal 2014, abbiamo già ricevuto segnali positivi, ma dobbiamo valutare alcuni dettagli”.

Qualche tempo fa si era fatta largo l’ipotesi, suggestiva, che la Red Bull in futuro potesse decidere addirittura di realizzare unità in proprio, magari appoggiandosi ad una struttura esterna. Ipotesi declinata dal magnate austriaco, se non “per casi estremi”.


Stop&Go Communcation

L’attuale contratto scade nel 2012, ma la Red Bull è intenzionata a rinnovare il rapporto di fornitura con la Renault […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-280611-08.jpg La Red Bull vuole i motori Renault anche dopo il 2012