Dopo le prime quattro giornate di test a Jerez, la carovana della Formula 1 si sposta a Barcellona dove domani riprenderà la preparazione per il campionato 2013. Rispetto alla pista andalusa, quella in Catalunya (sede del Gran Premio di Spagna) costituirà uno scenario senza dubbio più attendibile anche per i pneumatici Pirelli.

“Essendo un circuito ben noto, le squadre saranno agevolate nel lavoro di comprensione e di analisi dell’interazione tra le nuove monoposto e la nostra ultima generazione di pneumatici che, rispetto allo scorso anno, sono generalmente più morbidi, più veloci e con un degrado volutamente maggiore”, ha spiegato il direttore sportivo Paul Hembery.

“Il fattore limitante nei test di Jerez, a inizio mese, è stata l’eccessiva abrasività della pista, quindi ci auguriamo che questa volta le condizioni possano essere più rappresentative. Ma c’è sempre la possibilità di avere basse temperature ambientali: l’anno scorso, ad esempio, abbiamo visto del ghiaccio in pista al mattino…”.

A Barcellona, ogni vettura avrà a disposizione un massimo di 35 set delle nuove coperture P Zero supersoft, soft, medie e dure. Se necessario, saranno disponibili anche i Cinturato intermedi e da bagnato. Dei treni che saranno impiegato a Barcellona, Pirelli ne sceglierà 20 per ogni monoposto, mentre i team sono liberi di sceglierne gli altri 15.

I set di pneumatici non sfruttati nei precedenti test di Jerez potranno inoltre essere montati qui.


Stop&Go Communcation

Dopo le prime quattro giornate di test a Jerez, la carovana della Formula 1 si sposta a Barcellona dove domani […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/02/f1-180213-01.jpg La Pirelli si aspetta sessioni di test più probanti sul circuito di Barcellona