È ufficiale: buona parte delle scuderie di Formula 1 ha già accettato il rinnovo del Patto della Concordia, in scadenza alla fine quest’anno. Ad annunciarlo, attraverso una breve nota, è stato il gran capo Bernie Ecclestone (non presente a Sepang).

“Sono molto contento di comunciare che abbiamo raggiunto un accordo di natura commerciale con la maggioranza delle attuali squadre, comprese Ferrari, McLaren e Red Bull Racing, in merito ai termini secondo cui continueranno a competere in F1 dopo la scadenza dell’attuale Patto della Concordia”.

Non è ancora chiaro quali siano invece le altre compagini che hanno già sottoscritto l’intesa: all’appello, ad esempio, mancherebbero per il momento Mercedes e Williams.

Martin Whitmarsh, team principal della McLaren e presidente della FOTA, alla BBC ha commentato: “Bernie ha usato la parola “maggioranza”. Se ci sono 12 squadre, vuol dire che sono almeno sette. Di più non so”.

Va ricordato che, dalla fine del 2011, Ferrari, Red Bull, Toro Rosso e Sauber hanno deciso di uscire dall’associazione dei team, di cui inoltre non faceva più parte la HRT.

Secondo i ben informati, in ogni caso, la comunione di intenti sarebbe per adesso basata solo sulla fiducia, in attesa della firma definitiva del documento. Recentemente si sono susseguite molte voci sui dettagli del nuovo Patto della Concordia, che potrebbe includere una partecipazione azionaria nella F1 assegnata alle stesse squadre se il campionato venisse quotato alla Borsa di Singapore.


Stop&Go Communcation

È ufficiale: buona parte delle scuderie di Formula 1 ha già accettato il rinnovo del Patto della Concordia, in scadenza […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-240312-03.jpg La “maggioranza” dei team verso la nuova intesa con Ecclestone