Il sistema di recupero dell’energia cinetica, fortemente contestato dalle squadre nel 2009, anno della sua introduzione prima del repentino accantonamento registratosi nel 2010 in seguito alla stipula di un accordo tra le squadre che rinviava il discorso al 2011, tornerà di attualità a partire dai test pre-stagione di scena sul circuito iberico di Valencia nel prossimo febbraio, intanto però il team Lotus di Tony Fernandes comunica di non avere intenzione di montare il dispositivo sulle monoposto affidate a Jarno Trulli ed Heikki Kovalainen nei primi Gran Premi della stagione.

Sulla nuova vettura avremo subito le ali mobili – ha precisato il responsabile tecnico Mike Gascoyne – ma a inizio campionato faremo a meno del KERS perché si tratta di una tecnologia che stiamo ancora sviluppando, avendo dovuto compiere una scelta volta all’ottimizzazione delle risorse”.

Secondo quanto riportato da Gascoyne, la mancanza del sistema non creerà grossi problemi alla Lotus: “A nostro modo di vedere nell’arco di un giro il KERS non garantirà ancora un vantaggio evidente. Dal punto di vista strategico si rivelerà di sicuro determinante a stagione in corso, ma nei primi Gran Premi le differenze tra le squadre che lo impiegheranno e le altre saranno davvero minime”.

Non appena il team diretto da Fernandes deciderà di ricorrere al sistema, il KERS verrà fornito dalla Renault, divenuto motorista Lotus proprio a partire dal Mondiale 2011. “Il gruppo Renault è molto attento alle cosiddette tecnologie verdi – ha spiegato Gascoyne – pertanto il KERS lo svilupperemo con loro”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Il sistema di recupero dell’energia cinetica, fortemente contestato dalle squadre nel 2009, anno della sua introduzione prima del repentino accantonamento […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/lotus3.jpg La Lotus impiegherà subito le ali mobili ma farà a meno del KERS nelle prime gare del Mondiale 2011