La settimana prossima la Honda sarà impegnata in solitaria a Jerez de la Frontera per sostenere gli ultimissimi test prima di imbarcarsi per la lunga trasferta in Australia. L'obiettivo è, ovviamente, cercare di rendere la RA108 più competitiva, dopo un precampionato che ha evidenziato le grandi difficoltà della scuderia di Brackley, nonostante l'arrivo di una pedina come Ross Brawn.

Di interessante c'è però soprattutto la possibilità che in Andalusia si aggreghi la Super Aguri, per recuperare un po' di chilometri rispetto alla concorrenza in preparazione all'appuntamento di Melbourne. Secondo i rumors, tuttavia, l'ipotesi sembra di difficile realizzazione: i rapporti tra Honda e Super Aguri non appaiono più così distesi, e i camion della piccola formazione nipponica, lasciata Barcellona lunedì, si sono già diretti verso il quartier generale di Leafield, in Gran Bretagna.

La SA08, la vettura con cui la Super Aguri affronterà il campionato 2008, non è ancora scesa in pista e al momento la Honda non ha ancora concesso al suo team satellite i nuovi telai, derivati dalla RA107 della scorsa stagione e per adesso fermi nella sede di Brackley. La situazione per il patron Aguri Suzuki si fa quindi sempre più complicata.

A tendere una mano alla compagine giapponese c'è però l'organizzazione del circuito di Portimao, come ha rivelato il direttore generale Paulo Pinheiro ad Automoto365: "Stiamo lavorando assieme alla Super Aguri per trovare una soluzione che possa soddisfarli. L'obiettivo è quello di sfruttare al massimo i giorni di test, utilizzando la nostra struttura, comprendente sia il circuito che l'area tecnica". Uno scenario simile a quello che l'autodromo dell'Algarve sta discutendo anche con la A1 Grand Prix.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

La settimana prossima la Honda sarà impegnata in solitaria a Jerez de la Frontera per sostenere gli ultimissimi test prima […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/superaguri2702.jpg La Honda prover