Non solo parole: la Formula 1 pensa a ridurre concretamente il proprio impatto ambientale, come ufficializzato ieri in un comunicato emesso dalla FOTA. L’associazione dei team ha annunciato il varo di un programma per la riduzione delle emissioni di CO2 controllato e verificato dalla Trucost Plc, ente di ricerca internazionale specializzato in analisi sul settore. Per diversi mesi sono state messe a setaccio tutte le attività svolte dalle scuderie e dai loro fornitori, dando poi indicazioni per l’introduzione di misure che permetteranno il calo di emissioni nocive.

I risultati dell’analisi condotta da Trucost evidenziano come le emissioni di CO2 causate dai test e dalle corse delle automobili di Formula 1 rappresentino una piccola proporzione delle emissioni totali che possono essere imputate all’intero indotto generato da questa disciplina, di cui è stata vagliata l’intera catena produttiva. In ogni caso l’obiettivo di FOTA e FIA, si legge, sarà quello di “continuare a sviluppare tecnologie pioneristiche che siano in grado di affrontare le sfide poste alla società contemporanea e nel futuro, per poterle applicare a prodotti che siano in grado di dare un beneficio al mondo intero nel medio e lungo termine”.

Collaborando con la Federazione, la FOTA si è impegnata affinché le nuove regole per le motorizzazioni e altre componenti tecnologiche che saranno introdotte nel dal 2013 siano mirate a favorire l’efficienza energetica. Allo stesso tempo, la revisione delle regole sportive sarà un’ulteriore incentivo per assicurare un beneficio competitivo derivante dall’ulteriore riduzione dei consumi di carburante.

Martin Whitmarsh, presidente della FOTA, ha commentato: “La buona notizia è che, in congiunzione con il recente e positivo impegno della FIA e della FOTA per incrementare l’efficienza e ridurre le risorse impiegate in F1, sia già stato possibile ridurre il totale delle emissioni di CO2 prodotte. Inoltre, partendo da ciò che abbiamo già conseguito, ed estrapolando quanto è già ora programmato, siamo in grado di anticipare che la Formula Uno nel 2012 ridurrà del 12,4% le emissioni totali rispetto ai livelli del 2009”.

“A ciò si aggiunge l’impegno della FIA e della FOTA, che stanno già lavorando insieme per assicurare che i nuovi regolamenti tecnici del 2013 della Formula 1 siano in grado di offrire una piattaforma per il continuo sviluppo di tecnologie mirate all’efficienza energetica ed alla riduzione dei consumi di carburante. È un periodo estremamente stimolante ed eccitante per la categoria, ed io sono fiero che il nostro sport sia stato in grado di assumere una leadership globale in questo campo”.


Stop&Go Communcation

Non solo parole: la Formula 1 pensa a ridurre concretamente il proprio impatto ambientale, come ufficializzato ieri in un comunicato […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-010710-011.jpg La FOTA vara un programma per ridurre le emissioni di CO2 in Formula 1 del 12,4% entro il 2012