In casa Caterham a vincere la sfida in seno alla scuderia a Hockenheim è stato Vitaly Petrov, bravo a concludere 16° ad appena, si fa per dire, un giro di distacco dal vincitore Fernando Alonso, mentre il compagno Heikki Kovalainen ha finito 19° a due giri. Prestazioni che di certo non possono esaltare il team di Toni Fernandes, il quale pensava di vedere le proprie vetture più in alto in questa annata.

Nel frattempo la concentrazione del gruppo è rivolta a Budapest, e Kovalainen non può far altro che rimembrare una splendida giornata: “Ho avuto la mia prima vittoria in Formula 1 nel 2008 in Ungheria, quindi è sempre bello tornare all’Hungaroring – ha raccontato – È logico dire ho davvero bei ricordi per questo posto e ho sempre un gran supporto dai tifosi finnici in Ungheria. Ci sono sempre molti finlandesi fra il pubblico poiché penso sia un po’ più facile per loro giungere in Ungheria, e ogni volta che ci sono i miei connazionali in giro allora c’è un’atmosfera grandiosa!”.

Vitaly Petrov ha evidenziato gli aspetti salienti della pista: “È un circuito impegnativo per alcuni motivi – ha dichiarato – Per prima cosa, è abbastanza fisico poiché di solito è molto caldo, e poi è un tracciato molto tecnico con sezioni strette, dunque hai bisogno del giusto set-up per ogni sessione in pista. Fisicamente, nonostante il caldo, non è troppo cattivo sebbene si abbia bisogno di una certa concentrazione dietro il volante per tutti i 70 giri della gara! L’Ungheria sarò l’ultima gara prima della pausa estiva ad agosto e tutti necessitiamo di un break. Prima di andare in vacanza sarà importante fermarsi, analizzare e discutere come stia andando la stagione con i ragazzi cosicché possiamo fare quegli aggiustamenti per le rimanenti corse”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

In casa Caterham a vincere la sfida in seno alla scuderia a Hockenheim è stato Vitaly Petrov, bravo a concludere […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-240712-caterham.jpg La Caterham pronta per l’Ungheria: “Concentrazione necessaria per tutti i 70 giri”