Non bastano le continue promesse di miglioramento da parte della Renault, secondo Daniil Kvyat, ma anche progressi concreti.

Il pilota russo non viene da un buon inizio di stagione, anche per colpa della poca affidabilità della power unit francese, equipaggiate dalle due vetture Red Bull. Il compagno di squadra Daniel Ricciardo deve ricorrere già alla quarta unità e ultima unità concessa dal regolamento.

“Penso che non vogliamo nessuna promessa ma risultati concreti” ha detto Kvyat ad Autosport. “Come squadra e come motore, tutti noi vogliamo migliorare. Questo significa lavorare con Renault, con il telaio, io personalmente per migliorare il mio rendimento. E’ un processo lungo e speriamo di trovar qualcosa”.

“Abbiamo in programma alcuni aggiornamenti in vista della Spagna, come altre squadre” ha poi continuato il giovane pilota della compagine austriaca. “Speriamo che vada tutto bene. Sono fiducioso sul team, che da qui in poi farà sicuramente solo passi in avanti”.


Stop&Go Communcation

Non bastano le continue promesse di miglioramento da parte della Renault, secondo Daniil Kvyat, ma anche progressi concreti. Il pilota […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/04/f1-kvyat-redbull-26042015-1-1024x577.jpg Kvyat: non solo promesse dalla Renault, ma anche concretezza