I due giorni di test disputati a Barcellona da Kimi Raikkonen, nonostante ottime prestazioni sul piano velocistico (secondo martedì, terzo mercoledì), sono stati in parte rovinate da alcuni inconvenienti tecnici. Il finlandese, in ogni caso, si è detto fiducioso per il potenziale espresso dalla macchina.

Nella prima giornata il team Lotus ha avuto alcuni problemi nell’acquisizione dei dati della telemetria, mentre ieri ha perso praticamente tutta la mattinata ai box per la sostituzione del cambio. In totale, quindi, Raikkonen ha accumulato 87 giri.

“I collaudi servono a individuare i problemi, da questo punto di vista stiamo facendo un buon lavoro. È frustrante, ma non è la fine del mondo”, ha ammesso il campione del mondo 2007. “Non è un mistero che vogliamo accumulare più chilometri, sarà l’obiettivo per il proseguimento di questi test e per le sessioni della prossima settimana”.

“Certe operazioni richiedono tempo. I meccanici erano molto impegnati nel sostituire il cambio, ma in questi momenti per i piloti non c’è molto da fare”.

“Iceman”, non a caso, ha confessato di “aver dormito” nell’attesa di rimettersi al volante.

In ogni caso per Raikkonen queste piccole battute d’arresto non devono costituire una preoccupazione. I segnali sono incoraggianti: “Appena scesi in pista siamo stati subito la terza macchina più rapida, questo è sempre promettente. Preferisco avere questi guai in prova piuttosto che durante i Gran Premi, e speriamo che in Australia siano tutti sistemati”.

Da oggi tocca invece al compagno Romain Grosjean proseguire il lavoro al Montmelò sulla E21.


Stop&Go Communcation

I due giorni di test disputati a Barcellona da Kimi Raikkonen, nonostante ottime prestazioni sul piano velocistico (secondo martedì, terzo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/02/f1-210213-01.jpg Kimi Raikkonen: “Girare poco è frustante, ma la Lotus è stata subito veloce”