Eddie Jordan è scettico sulla proposta di Bernie Ecclestone che prevede l’assegnazione della medaglia d’oro al vincitore del Gran Premio e la vittoria del campionato da parte del pilota avente più medaglie auree. Alla BBC Radio Five Live Jordan dice: “Credo sia senza senso. L’attenzione di tutti i manager della F1 deve essere focalizzata sul problema dei costi e del loro taglio, e nient’altro. Il resto sono solo dettagli. Sono stato uno dei Team Principal nell’assemblea dei Team Principal i quali sostenevano di voler  estendere i punti anche dopo i primi otto classificati perché un punto a un team non competitivo è importante come una vittoria per la Mclaren o la Ferrari, e questo non bisogna dimenticarlo. Piloti come Massa, che hanno iniziato dal fondo della griglia, sanno quanto sono importanti quei punti".

"Tutti coloro che sono impegnati nel campo economico sanno quanto è importante, e sono consapevoli dell’entusiasmo che si crea ottenendo un punto per i team di fondo classifica. Ferrari e Mclaren lavorano con un budget di 300milioni di euro, e altri team come la Force India e la Toro Rosso che vorrebbero avere un decimo o un ottavo del budget dei primi. Ecclestone crede che le persone sono interessate esclusivamente alla vittoria delle gare. L’idea dovrebbe essere messa da parte e discussa tra lui e Mosley, e approvato da tutti i team.”

 


Stop&Go Communcation

Eddie Jordan è scettico sulla proposta di Bernie Ecclestone che prevede l’assegnazione della medaglia d’oro al vincitore del Gran Premio […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/F10511083.jpg Jordan scettico riguardo le medaglie: riparte la sfida contro Ecclestone