L’imprevedibilità della Formula 1 è anche questo: Jenson Button, perfetto una settimana fa in Australia, ha vissuto una giornata da dimenticare a Sepang, giungendo solo 14° al traguardo.

“Tutto ciò che poteva andare male… è andato male”, ha ammesso candidamente il pilota inglese. “È stata una gara piuttosto faticosa”.

Il principale colpo alle sue ambizioni è stato il contatto con Narain Karthikeyan al tornantino, in cui ha danneggiato l’alettone anteriore. “Ho bloccato le ruote posteriori, non sono riuscito a rallentare a sufficienza e l’ho urtato. Così ho dovuto cambiare il musetto, e poi diventa sempre dura quando ti trovi in 14esima o 15esima posizione. Tutte le vetture erano molto vicine a livello di prestazioni, sorpassare era dura”.

Per l’incidente con il rivale della HRT, l’alfiere della McLaren si è assunto la piena responsabilità dell’errore.

Adesso è già l’ora di guardare avanti: “La cosa impressionante è che sono ancora terzo nel Mondiale senza aver preso punto. Non è certo questo il risultato che volevo, ma andiamo avanti sperando in un week-end molto più positivo in Cina”.


Stop&Go Communcation

L’imprevedibilità della Formula 1 è anche questo: Jenson Button, perfetto una settimana fa in Australia, ha vissuto una giornata da […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-250312-09.jpg Jenson Button a mani vuote in Malesia: “È andato tutto male”