In controtendenza rispetto all’opinione espressa di recente dalla maggior parte dei piloti e dal team principal della McLaren Martin Whitmarsh, preoccupati per l’eventuale venir meno delle necessarie condizioni di sicurezza complice l’introduzione delle ali posteriori mobili a partire dal Mondiale F.1 edizione 2011, l’uomo forte di casa Mercedes GP Ross Brawn ha fatto sapere di considerare il nuovo dispositivo, voluto dal Consiglio FIA nella speranza di favorire il numero dei sorpassi in gara, perfettamente conforme alle esigenze di uno sport da sempre non così attento alle perplessità sollevate dai suoi protagonisti.

So per certo che è stato fatto un gran lavoro sul fronte tecnico tramite la fluidodinamica computazionale – ha attaccato Brawn, che sul finire del 2008 rilevò coraggiosamente le strutture di Honda F.1 per creare la sua squadra poi ceduta alla Mercedes da campione del mondo nel 2010 – l’ala posteriore sarà configurata in modo che, anche nell’eventualità di un collasso della componente, questa resterà nella posizione originaria. Nella costruzione degli aeroplani vengono applicati gli stessi concetti, quindi sotto il profilo della sicurezza in pista non vedo problemi”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

In controtendenza rispetto all’opinione espressa di recente dalla maggior parte dei piloti e dal team principal della McLaren Martin Whitmarsh, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/rossb1.jpg Il team principal della Mercedes Ross Brawn non ha dubbi: “Nessuna riserva sulle ali mobili del 2011”