La Red Bull non è più la vettura dominante come avvenuto nel 2011, e se già avevamo avuto i sentori nei primi due appuntamenti stagionali, la conferma definitiva è arrivata a Shanghai. Infatti Mark Webber si è dovuto accontentare della 7° posizione, per poi scalare in 3° fila per la penalizzazione di Lewis Hamilton, mentre ancora peggio ha fatto il Campione del Mondo Sebastian Vettel, 11° e fuori dalla Q3.

Un risultato a dir poco clamoroso, al quale però il tedesco risponde con estrema franchezza: “Non siamo stati abbastanza bravi, tutto qua – ha detto ai media – Non c’è stato niente di fondamentalmente sbagliato e mi sono sentito abbastanza a mio agio in macchina, ma non sono caduti quegli ultimi due decimi e questo è il risultato. Purtroppo non è stato abbastanza”.

La differenza maggiori fra lui e Webber riguarda la scelta degli scarichi, con Vettel che ha adottato quelli vecchi a differenza dell’australiano: “Ho optato per questa soluzione il venerdì pomeriggio semplicemente perché mi sono sentito più a posto con quella versione – ha ammesso – Questa mattina non l’ho più sentito così bene, quindi certamente cominci a pensare. Ma nel pomeriggio è migliorato ancora, sfortunatamente non abbastanza. Col senno di poi è sempre facile dare la colpa ad una decisione sbagliata, però pensavo che quella decisione fosse giusta in quel momento. Sicuramente dovremo sederci ed esaminare ogni aspetto per evitare una tale situazione in futuro”.

Tuttavia non tutto è perduto, perché nelle prime due gare ci sono stati rivoluzioni rispetto alla griglia di partenza, e Seb appare fiducioso: “Sì, sarà una corsa lunga ed impegnativa, quindi ci dovrebbero essere alcune chance per migliorare la posizione – ha messo in evidenza in conclusione – Ma di certo è sempre più facile partire davanti e rimanerci. Ho ancora un set di gomme morbide preservato, dunque posso scattare su qualsiasi tipo di pneumatici voglia e ciò è forse il solo aspetto positivo di questa situazione. Può render la vita un po’ più semplice domani”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

La Red Bull non è più la vettura dominante come avvenuto nel 2011, e se già avevamo avuto i sentori […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-130412-vettel.jpg Il disappunto di Sebastian Vettel: “Non siamo stati abbastanza veloci”