In attesa della definitiva ratifica di lunedì, in occasione del prossimo Consiglio Mondiale, fioccano i sorrisi per l’accordo di ieri sui regolamenti tecnici della Formula 1: il compromesso raggiunto sui nuovi motori (rinviati al 2014 e con architettura V6) ha convinto tutte le parti in causa della F1 Commission, riunitasi a Londra.

La stessa FIA, che aveva introdotto l’idea del quattro cilindri per il 2013, si è espressa con soddisfazione. “Siamo felici di questa soluzione”, ha dichiarato un portavoce all’agenzia di stampa Reuters.

“Ciò che mi rende contento è aver raggiunto una intesa tra i costruttori”, ha invece rimarcato Martin Whitmarsh, responsabile del team McLaren e presidente della FOTA. “Tutti hanno supportato questo cambiamento, e avere un consenso totale sull’argomento è molto positivo”.

Da subito la Ferrari era stata la più veemente nell’osteggiare il quattro cilindri (qualche tempo fa pareva aver già proposto il V6), con la Mercedes più guardinga e la Renault invece favorevole alla novità. La Cosworth, per conto suo, espresso perplessità sui costi di progettazione e sulla mancanza di know-how relativamente a questa architettura, davvero rara nella storia della categoria regina.

Individuata una strada comune, Whitmarsh spera che i nuovi regolamenti possano attirare anche altre case: “Veniamo innanzitutto da un grave periodo di crisi dell’industria automobilistica, e convincere chi è già coinvolte a rimanere è stato fondamentale. Ma spero che per l’avvenire della F1 altri costruttori si rivelino interessati ad entrare”.


Stop&Go Communcation

In attesa della definitiva ratifica di lunedì, in occasione del prossimo Consiglio Mondiale, fioccano i sorrisi per l’accordo di ieri […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-230611-03.jpg Il compromesso sui motori soddisfa tutti. Withmarsh: “Molto contento”