Qualcuno lo ha prontamente chiamato “Twittergate”, di certo è stata una clamorosa ingenuità. Lewis Hamilton, dopo il deludente risultato nelle qualifiche di Spa-Francorchamps, ha condiviso sul proprio account Twitter la foto di un foglio in cui era stampata la propria telemetria comparata con quella del compagno Jenson Button, autore della pole-position (nella foto).

Il campione del mondo 2008, anche in maniera colorita (inequivocabile l’espressione inglese “WTF”), ha cercato di sottolineare il fatto di aver perso circa sei decimi preziosi in rettilineo, avendo deciso di utilizzare la vecchia ala posteriore in luogo della nuova specifica introdotta dalla McLaren per la gara belga, approvata invece da Button.

Pubblicare quell’immagine, per Hamilton, ha significato rendere pubblico un documento di carattere assolutamente confidenziale. “Gli è stato chiesto di rimuovere il post e lo ha fatto immediatamente”, ha poi precisato Martin Whitmarsh, boss della McLaren. “Certamente non stava riflettendo molto, ha valutato male la situazione”.

Nei confronti di Lewis, il cui rinnovo del contratto fatica ad arrivare, non saranno comunque intraprese azioni disciplinari.

La mossa non è andata nemmeno giù allo stesso Button: “Sono stato molto sorpreso, e sì, anche deluso”, ha rivelato. “Lavoriamo duramente per migliorare la macchina e mantenere segrete cose del genere. Non volevo vederle su Twitter, era l’intera telemetria della qualifica”.

Jenson ha inoltre messo in chiaro che il vantaggio sulla vettura gemella non era dovuto solo alla scelta dell’ala: “Avrebbe dovuto riguadagnare terreno in curva, perché aveva più carico aerodinamico. E in ogni caso io sono stato più rapido di otto decimi…”.

A gettare un po’ di acqua sul fuoco è stato il direttore tecnico Paddy Lowe: “Le informazoni non sono di grande utilità per gli altri, non credo sia stato fatto un grosso danno”. Christian Horner, team principal della Red Bull, non ha però avuto peli sulla lingua: “Sono sicuro che qualsiasi ingegnere in pit-lane ci darà un’attenta occhiata”.


Stop&Go Communcation

Qualcuno lo ha prontamente chiamato “Twittergate”, di certo è stata una clamorosa ingenuità. Lewis Hamilton, dopo il deludente risultato nelle […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/f1-040912-01.jpg Il “caso” Hamilton a Spa: posta la telemetria su Twitter, poi la cancella…