Il fascino e la storia di un circuito come quello di Silverstone, presente per la prima volta nel calendario della F.1 addirittura nel lontano 1950, non lasciano insensibile nemmeno lo staff della new entry HRT, all’esordio quest’anno nel dorato mondo dei Gran Premi con la line-up composta da Bruno Senna, nipote dell’indimenticato Ayrton, e Karun Chandhok, portabandiera dell’India con buoni precedenti nella selettiva GP2.

A confermarlo è lo stesso Colin Kolles, team principal della scuderia di proprietà del tycoon spagnolo Jose Ramon Carabante, subentrato prima dell’inizio del campionato all’ex pilota e manager Adrian Campos: “Di sicuro guardiamo con fiducia al Gran Premio di Gran Bretagna dell’11 luglio. Stiamo parlando di un tracciato storico, permeato da un’atmosfera a dir poco incredibile. Sarà una bella sfida per tutti, dal momento che non è così semplice superare. Le varie compagini dovranno fare del loro meglio in qualifica”.

Secondo l’opinione di Kolles, già uomo di riferimento alla Spyker e alla Force India, il segreto per emergere a Silverstone andrà ricercato nell’individuazione della messa a punto ideale: “Trovare il giusto set-up rappresenta un impegno non indifferente. Da queste parti il vento influenza spesso il bilanciamento delle monoposto, inoltre il meteo è imprevedibile e in tali condizioni non si può mai sapere cosa succederà. Dal canto nostro speriamo di mettere insieme una performance incoraggiante, lottando in pista con gli altri nuovi teams”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Il fascino e la storia di un circuito come quello di Silverstone, presente per la prima volta nel calendario della […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/hispa1.jpg I vertici del team HRT ammettono: “Impazienti di gareggiare a Silverstone”