I test invernali del 2014 potrebbero partire in anticipo rispetto alla consuetudine delle ultime stagioni, in cui sono stati vietati fino al 31 gennaio.

Come riporta Autosport, la FIA starebbe cercando una soluzione per consentire alle squadre di cominciare a scendere in pista circa 15 o 20 giorni prima (quindi attorno a metà gennaio), in modo da collaudare i nuovissimi motori 1.6 turbo.

Una soluzione richiesta dai motoristi e vista di buon occhio da Ross Brawn, team principal della Mercedes. “Dovremo anticipare il programma di due o tre settimane. Se dovessimo partire tardi, per la vettura sarebbe ok. Ma se il propulsore portasse con sé qualche problema fino all’inizio del campionato, non sarebbe positivo. Bisogna trovare il giusto compromesso”.

“Penso che ogni squadra voglia provare presto il nuovo motore e scoprirlo. Sono sicuro che tutti utilizzeranno la propria vettura definitiva per fare questo lavoro, anche se magari con la stessa aerodinamica della presentazione”.

Brawn, inoltre, sottolinea come eventuali prove collettive in Medio Oriente (ipotesi emersa la scorsa settimana) sarebbero ancora più utili: “La necessità principale è poter collaudare le unità motrici ad alte temperature. Se capitasse per la prima volta in Bahrain, o in qualsiasi posto venga disputata la prima gara, potrebbe essere un disastro. E vorremmo evitarlo”.


Stop&Go Communcation

I test invernali del 2014 potrebbero partire a metà gennaio per consentire alle squadre di collaudare meglio i nuovi motori 1.6 turbo.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/f1-test-mercedes-290413-02.jpg I test invernali 2014 potrebbero partire a metà gennaio