Invocato dagli appassionati e dalle compagini di vertice, il ripristino delle prove private a stagione in corso non trova consensi fra le scuderie più piccole, preoccupate dalla possibile escalation dei costi. “Significherebbe ricreare una squadra separata per i test”, ha ad esempio spiegato Peter Sauber. “Sarebbe una spesa non necessaria”.

Oltre alla compagine svizzera, il no è sostenuto dalle tre esordienti Lotus, Virgin e Hispania, ma anche da Force India e Williams. “L’attuale sistema garantisce le stesse chances a tutti”, sottolinea Sam Michael, direttore tecnico dell’equipe inglese.

Otmar Szafnauer, direttore operativo della Force India, cita invece i casi di F-Duct e diffusore “soffiato” in stile Red Bull, affermando: “In passato le squadre avrebbero effettuato collaudi freneticamente e nel giro di due Gran Premi avrebbero colmato il gap con chi ha introdotto qualche soluzione inedito. Adesso, invece, siamo già a metà campionato e la McLaren non è stata ancora raggiunta da Ferrari e Red Bull per quanto riguarda la competitività dell’F-Duct”.

“Anche il nostro congegno funziona più o meno al livello della concorrenza, perché ora tutto dipende dalla bravura degli ingegneri. In sostanza ci opponiamo a modificare il regolamento sui test”.

Secondo Szafnauer, inoltre, l’arrivo di simulatori sempre più accurati non rappresenta una grossa discriminante: “Sono strumenti di cui si può fare a meno. Chiunque ha una galleria del vento o sfrutta la fluidodinamica computazionale”. Il manager di passaporto statunitense (ma romeno di nascita) sostiene poi che l’abolizione dei test non rappresenti un problema nemmeno per la maturazione dei giovani: “Gli altri possono fare come noi”, riferendosi alle opportunità offerte a Paul Di Resta di partecipare alle prove libere nel venerdì dei Gran Premi. Una iniziativa fin qui seguita anche da Lotus (con Fairuz Fauzy) e Hispania (con Klien e Yamamoto).

Forse un po’ a sorpresa, nemmeno Ross Brawn, responsabile di una formazione top come la Mercedes, è entusiasta dinanzi all’idea di un ritorno al passato. “Abbiamo trovato un buon equilibrio. Non dovremmo di nuovo allestire un organico apposito per le sessioni di test”.


Stop&Go Communcation

Invocato dagli appassionati e dalle compagini di vertice, il ripristino delle prove private a stagione in corso non trova consensi […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-220710-011.jpg I piccoli team contro il ritorno ai test liberi: meglio continuare a contenere i costi