L’attesissimo meeting tenuto oggi a Londra dalla F1 Commission, l’organismo che riunisce gli “influenti” del Mondiale (costruttori, team, sponsor e organizzatori), ha sancito la formale cancellazione delle regole sui motori 2013.

I propulsori 1.6 turbo a quattro cilindri vanno in soffitta ancora prima di nascere. Ha vinto quindi la volontà di Bernie Ecclestone, ma questa volta, forse, saranno tutti contenti: perché, su proposta delle stesse case, si è deciso all’unanimità per l’introduzione nel 2014 di unità V6, sempre da 1600 centimetri cubi e sempre sovralimentate.

Un frazionamento in effetti molto più affascinante per la Formula 1, che con la mente riporta già all’epoca d’oro del turbo, quando negli anni Ottanta lo standard di fatto era costituito dai V6 di 1.5 litri.

Meno di un mese fa, del resto, la FIA aveva confermato di essere aperta a rivedere i regolamenti ascoltando il parere dei costruttori impegnati, con Ferrari, Mercedes e Cosworth in prima linea nell’osteggiare l’architettura a quattro cilindri. La Renault, invece favorevole, chiedeva soprattutto chiarezza per pianificare il proprio futuro.

Il 2013 sarà perciò il canto del cigno per i V8 odierni, arrivati nel 2006 a raccogliere l’eredità dei potentissimi V10, ma “congelati” nello sviluppo ormai da quattro stagioni. Resta inoltre vivo l’impegno per l’implementazione delle tecnologie ibride, e in particolare del KERS.

Non sembrano più casuali le parole pronunciate in questi giorni da Martin Whitmarsh, boss della McLaren e presidente della FOTA: “Personalmente credo che dovremmo cercare un compromesso. Se fosse per me, probabilmente opterei per un V6 turbo”.

È andata proprio così. A questo punto manca soltanto il canonico voto via fax, che sarà ratificato lunedì nel prossimo Consiglio Mondiale: da quel momento sarà tutto definitivo.

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

L’attesissimo meeting tenuto oggi a Londra dalla F1 Commission, l’organismo che riunisce gli “influenti” del Mondiale (costruttori, team, sponsor e […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-220611-09.jpg I nuovi motori slittano al 2014, ma saranno V6!