Red Bull pronta a dare battaglia contro la decisione di squalificare Daniel Ricciardo a Melbourne, per consumo irregolare di carburante.

Il team principal Chris Horner è fiducioso di avere in mano carte ottime per convincere i giudici a rivedere la decisione dei commissari di gara: “Abbiamo inoltrato appello perché siamo assolutamente convinti di non aver violato le regole, ovvero di non essere andati oltre il flusso consentito di 100 kg/h di benzina; crediamo di avere buone prove da presentare alla corte”.

“La questione si basa su quale sia la lettura corretta; abbiamo un sensore che secondo noi non legge correttamente, contro un sistema che a noi risulta ben calibrato e che non è stato modificato per tutto il weekend, risultando non difettoso nei controlli effettuati successivamente. Noi riteniamo di non aver infranto il regolamento e che è stato il sensore della FIA a riportare valori errati; il problema è che non c’è chiarezza nelle direttive”, ha spiegato Horner.

Federico Fadda


Stop&Go Communcation

Il team principal della Red Bull si dice convinto di riuscire a riavere indietro il podio tolto a Ricciardo dopo il Gp d’Australia.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/03/Horner02.jpg Horner sicuro: “Vinceremo l’appello”