Temperature in leggero rialzo e cielo coperto a Hockenheim nella determinante sessione di qualifica, sebbene tra i banchi di nuvole si sia intravisto qualche timido raggio di sole. A conquistare la pole position è stato l’idolo locale Sebastian Vettel, abile nell’artigliare l’ennesima partenza al palo per la Red Bull in 1:13.791, subito davanti ai due ferraristi Fernando Alonso e Felipe Massa, entrambi in grande spolvero, che hanno persino accarezzato l’idea di una prima fila tutta rossa. Vettel, perfettamente coadiuvato da una monoposto che sul giro secco continua a non avere rivali, ha costruito il suo vantaggio nella sezione del Motodrom, avendo quindi la meglio su Alonso, distanziato di appena due millesimi, e Massa, apparso finalmente a proprio agio.

Quarto posto ad appannaggio di Mark Webber, che ha preceduto la McLaren di Jenson Button, capace di regolare le ambizioni del compagno di marca Lewis Hamilton, sesto alla chiusura delle ostilità. Il nuovo pacchetto aerodinamico utilizzato dalla compagine di Woking sembra pertanto avere bisogno di un po’ di rodaggio prima di funzionare a dovere, anche se ovviamente l’ultima parola spetterà alla pista.

Buon settimo Robert Kubica, che ha tenuto alto l’onore della Renault lasciandosi alle spalle uno strepitoso Rubens Barrichello, il cui feeling con la Williams non necessita più di ulteriori spiegazioni. Nella top ten anche Nico Rosberg, nono, e Nico Hulkenberg, che nel finale si è forse precluso un piazzamento migliore complice un controllo al limite nei pressi della curva Sachs.

Rimane invischiato nella tagliola della Q2 il pluri-titolato Michael Schumacher, soltanto undicesimo, che al cospetto del pubblico di casa sperava in una prestazione di ben altro tenore. Performance tutto sommato positiva per Kamui Kobayashi, capace di portare la Sauber fino al dodicesimo posto. Dietro al giapponese, che ha fatto il possibile per celebrare degnamente i quarant’anni di attività nel motorsport della compagine di Hinwil, hanno fatto capolino Vitaly Petrov, Adrian Sutil e Pedro de la Rosa. L’alfiere della Force India sarà però costretto a subire un arretramento di cinque posizioni per avere sostituito il cambio al termine della Practice 3. A seguire le Toro Rosso di Jaime Alguersuari e Sebastien Buemi, mai protagonisti nella seconda frazione.

Falliscono l’accesso in Q2 le Lotus di Jarno Trulli ed Heikki Kovalainen, con il 36enne abruzzese davanti al compagno di squadra. Non riesce quindi Timo Glock, ventesimo, a rappresentare un pericolo per le T127, anche se il pilota tedesco contava di avere ormai chiuso il gap dai rivali diretti. Discrete risultanze per Bruno Senna, ventunesimo al volante della HRT in barba ad un paio di digressioni oltre i cordoli, mentre Sakon Yamamoto ha chiuso al ventitreesimo posto.

Cinque minuti dopo l’inizio della Q1, il portacolori della Force India Vitantonio Liuzzi ha pizzicato con troppa veemenza il cordolo posto all’ultima curva, evidentemente ancora umido in seguito alle piogge degli ultimi giorni, finendo contro le barriere nella zona antistante ai box. L’italiano, ventiduesimo al termine, è sceso incolume ma visibilmente scosso dalla sua vettura, dovendo dire addio alle qualifiche. Inevitabile l’esposizione della bandiera rossa, con i commissari di percorso impegnati per alcuni minuti nel ripulire la pista dai numerosi detriti persi dalla monoposto di Liuzzi, pesantemente danneggiata all’avantreno. Fanalino di coda l’altro driver di casa Virgin Lucas Di Grassi, che dopo avere effettuato il giro d’installazione ha ravvisato un problema tecnico tanto da non poter più riprendere la via del tracciato.

I bolidi della massima formula torneranno ad animare il circuito di Hockenheim nella giornata di domani a partire dalle ore 14:00, più precisamente quando le ventiquattro monoposto si allineeranno sullo schieramento per prendere parte all’atteso Gran Premio di Germania.

Griglia di Partenza

01. Sebastian Vettel – Red Bull Renault – 1:15.152  1:14.249  1:13.791
02. Fernando Alonso – Ferrari – 1:14.808  1:14.081  1:13.793
03. Felipe Massa – Ferrari – 1:15.216  1:14.478  1:14.290
04. Mark Webber – Red Bull Renault – 1:15.334  1:14.340  1:14.347
05. Jenson Button – McLaren Mercedes – 1:15.823  1:14.716  1:14.427
06. Lewis Hamilton – McLaren Mercedes – 1:15.505  1:14.488  1:14.566
07. Robert Kubica – Renault – 1:15.736  1:14.835  1:15.079
08. Rubens Barrichello – Williams Cosworth – 1:16.398 1:14.698  1:15.109
09. Nico Rosberg – Mercedes – 1:16.178  1:15.018  1:15.179
10. Nico Hulkenberg – Williams Cosworth – 1:16.387  1:14.943  1:15.339

11. Michael Schumacher – Mercedes – 1:16.084  1:15.026
12. Kamui Kobayashi – Sauber Ferrari – 1:15.951  1:15.084
13. Vitaly Petrov – Renault – 1:16.521  1:15.307
14. Adrian Sutil – Force India Mercedes – 1:16.220  1:15.467
15. Pedro de la Rosa – Sauber Ferrari – 1:16.450  1:15.550
16. Jaime Alguersuari – Toro Rosso Ferrari – 1:16.664  1:15.588
17. Sebastien Buemi – Toro Rosso Ferrari – 1:16.019  1:15.974

18. Jarno Trulli – Lotus Cosworth – 1:17.583
19. Heikki Kovalainen – Lotus Cosworth – 1:18.300
20. Timo Glock – Virgin Cosworth – 1:18.343
21. Bruno Senna – HRT Cosworth – 1:18.592
22. Vitantonio Liuzzi – Force India Mercedes – 1:18.952
23. Sakon Yamamoto – HRT Cosworth – 1:19.844
24. Lucas Di Grassi – Virgin Cosworth – senza tempo

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Temperature in leggero rialzo e cielo coperto a Hockenheim nella determinante sessione di qualifica, sebbene tra i banchi di nuvole […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/vettelhoc2.jpg Hockenheim, Qualifiche: Vettel in pole davanti al suo pubblico, Alonso 2° e Massa 3°. Webber 4°, Schumacher fuori dalla top 10