Lewis Hamilton è tornato un marziano. Dopo un avvio di stagione incostante, l’inglese della McLaren ha raccolto a Hockenheim il secondo successo consecutivo dopo quello sul bagnato a Silverstone. Partito dalla pole, Hamilton ha inflitto distacchi consistenti agli avversari nei primi giri.

Massa, Kovalainen, Kubica e Raikkonen non hanno potuto far null’altro che inseguire fino a 29 giri dal termine quando un violento botto di Timo Glock contro il muro della pit lane, causato da un cedimento della sospensione sulla sua Toyota, causava l’ingresso della safety car. Tutti i piloti rientrano. Hamilton no. Rientrerà dopo, perdendo diverse posizioni a favore di Heidfeld e Piquet (rimasti in pista senza fermarsi) ma soprattutto di Massa e Kovalainen.

Sembrava un finale già scritto. Invece Hamilton ha rimontato fino alla prima posizione come solo il miglior Lewis sa fare, a suon di sorpassi e giri veloci, ridicolizzando i rivali. La vittoria di Hamilton non mette però in ombra il secondo posto ottenuto da Nelsinho Piquet, un risultato che cambia volto alla stagione dell’esordiente brasiliano della Renault, ottenuto soprattutto grazie a una strategia coraggiosa. A una sola sosta.

Terzo sul podio Felipe Massa, poi Heidfeld, Kovalainen, uno spento Kimi Raikkonen, Kubica e Vettel, bravissimo nel finale a superare Jarno Trulli, autore di uno strafalcione imprevisto.

Gran Premio di Germania 2008

Cristiano Puglisi


Stop&Go Communcation

Lewis Hamilton è tornato un marziano. Dopo un avvio di stagione incostante, l’inglese della McLaren ha raccolto a Hockenheim il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/lrg-2092-lewis_gb1.jpg Hockenheim – Gara: Un Hamilton impressionante vince una gara già persa