Dieci su undici. A Hockenheim prosegue l’allegra cavalcata della Red Bull nelle vesti di regina incontrastata delle qualifiche, con l’unica macchia rappresentata dal Gran Premio del Canada in cui Lewis Hamilton ha privato Sebastian Vettel e Mark Webber di una partenza al palo finita invece nelle mani della McLaren, complice però il discusso stratagemma adottato dall’inglese rimasto a secco di carburante nel giro di rientro.

Nelle prove ufficiali del Gran Premio di Germania l’idolo locale Vettel ha infatti battuto il diretto rivale Fernando Alonso per due millesimi di secondo, suscitando non poco entusiasmo nei tanti tifosi di matrice tedesca assiepati sulle tribune dell’Hockenheimring: “Sarà interessante capire in cosa consiste esattamente il distacco che mi separa dalla prima delle due Ferrari. Alonso è stato un avversario scomodo per l’intera sessione, e la scuderia di Maranello ha dimostrato di poter essere molto competitiva. E’ stata una sfida eccitante, e in Q2 ho compreso che si trattava di mettere insieme il giro ideale. Quando spingi così a fondo risulta arduo non oltrepassare il limite, perché le gomme possono creare problemi col risultato che senza accorgertene ti ritrovi a perdere tempo prezioso. Il mio ultimo ‘run’ non è stato perfetto al cento per cento, in alcuni punti ho forse cercato di strafare ma alla fine il lavoro portato a termine mi ha permesso di conquistare la pole position. Sono davvero felice, domani partirò al palo davanti al mio pubblico e me la dovrò vedere con le Ferrari. La RB6 è un’ottima vettura, ma Alonso e Massa sono piuttosto vicini, inoltre la gara è lunga e non si può mai dire. Di sicuro scatterò dalla migliore posizione sullo schieramento, dopodiché ci sarà molto da costruire. Intanto vado a dormire tranquillo”.

Quasi sorpreso dalla ritrovata competitività del pacchetto Ferrari il due volte iridato Alonso, che al sabato pomeriggio è riuscito nell’impresa di agguantare una prima fila importantissima in vista del Gran Premio: “Credo che dobbiamo ritenerci soddisfatti delle prestazioni di oggi. Per la prima volta in questa stagione partirò dalla prima fila, quindi si tratta di un bel passo avanti. Siamo stati competitivi fin dal venerdì, e non nascondo di essere fiducioso. La vettura si è ben comportata in Q1, Q2 e Q3, pertanto posso dire di avere vissuto un sabato perfetto, anche se la pole position mi è sfuggita per un soffio. La gara però è domani, e a me interessa restare concentrato nella speranza di ottenere tanti punti. In Germania abbiamo iniziato col piede giusto e ci tengo a finire nello stesso modo. Vorrei poi evidenziare che non mi aspettavo di essere così vicino alle Red Bull nella determinante Q3, perché so bene quanto sia elevato il loro potenziale. Abbiamo impiegato dieci gare prima di riuscire a lottare per la pole position, adesso però sembra che il divario sia nettamente diminuito”.

Altrettanto entusiasta del risultato il brasiliano Felipe Massa, che ha suggellato il momento di resurrezione del Cavallino ottenendo il terzo crono al termine di una serratissima Q3: “Le nostre performances sono state molto buone. E’ stata una sessione di qualifica molto difficile, e gli esigui distacchi l’hanno dimostrato. Devo ammettere che in Q3 non sono riuscito ad essere veloce allo stesso modo in tutti i settori, ciononostante sono soddisfatto dell’esito delle qualifiche che mi fa ben sperare in vista di domani. L’importante è rimanere focalizzati sull’obiettivo, inoltre credo di poter fare un buon lavoro conquistando quanti più punti possibili non soltanto per me ma anche per la squadra”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Dieci su undici. A Hockenheim prosegue l’allegra cavalcata della Red Bull nelle vesti di regina incontrastata delle qualifiche, con l’unica […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/ferrarn1.jpg Hockenheim, Day 2: Vettel firma la decima pole Red Bull, Alonso e Massa entusiasti del ritmo Ferrari