Da quando ha deciso di indossare tuta e casco nei colori della rientrante Lotus dell’era Tony Fernandes, il finlandese Heikki Kovalainen, 60 Gran Premi disputati in F.1 dal 2007 ad oggi, è sembrato rigenerato, complice forse un ambiente a misura d’uomo in grado di esaltare non soltanto il gruppo ma anche le individualità del singolo.

Qui alla Lotus tutto funziona a meraviglia – ha esordito Kovalainen, che pure sta sperimentando una stagione nelle retrovie al volante della T127 – ora sento di avere la situazione sotto controllo, cosa che invece non succedeva all’epoca in cui correvo per la McLaren. Nei fine settimana di gara sono sicuro al cento per cento del set-up ideale, inoltre gli ingegneri ascoltano le mie indicazioni tecniche e credono fermamente nelle valutazioni fornite dal pilota”.

Evidentemente ancora ‘scottato’ dall’esperienza biennale vissuta alle dipendenze della scuderia di Woking al fianco di un talento del calibro di Lewis Hamilton, il 28enne driver originario di Suomussalmi non rinuncia a togliersi qualche sassolino dalla fatidica scarpa: “Non mi piace lamentarmi, ma se avessi saputo come andavano certe cose molto probabilmente le mie scelte sarebbero state diverse”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Da quando ha deciso di indossare tuta e casco nei colori della rientrante Lotus dell’era Tony Fernandes, il finlandese Heikki […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/koval1.jpg Heikki Kovalainen si dice soddisfatto dell’atmosfera aleggiante nel team Lotus: “In McLaren era l’esatto contrario”