Per il dodicesimo appuntamento della massima espressione dello sport automobilistico su pista, la Formula 1 si è riunita sul circuito di Istanbul. Le premesse hanno visto una Ferrari altamente competitiva per tutto il weekend e le McLaren a ridosso come al solito, con Hamilton meglio di Alonso. Rispetto alla griglia definita ieri, alla Honda hanno deciso di cambiare il motore su entrambe le macchine (che peraltro era nuovo in entrambi i casi) in misura precauzionale, dopo un calo di potenza avvertito nel propulsore di Button e quindi sono state arretrate delle consuete dieci posizioni, collocando Barrichello e Button in fondo alla griglia. Le due Ferrari decidono di partire con gomme morbide, soluzione dettata dagli ottimi riscontri delle prove, così come Kubica. Tutti gli altri i big optano per la mescola più dura.

 

Al via, Massa parte bene dalla pole e alla prima curva transita al comando davanti a Raikkonen il quale, approfittando della parte più pulita del percorso, passa Hamilton. Peggio fa il compagno di squadra Alonso, infilato dalle BMW di Kubica e Heidfeld. Trulli parte in testacoda, probabilmente toccato da dietro, ma miracolosamente non viene toccato da nessuno e può comunque proseguire, seppur sfilato da tutti. Dopo soli nove giri Webber va ai box per problemi idraulici evidenziati nella prima parte di gara e che lo hanno portato ad un’escursione fuori pista che è costata la posizione nei confronti della Williams di Wurz. Si ritira e sarà l’unico della gara. Kubica è il primo ad entrare al pit, all’11° giro, a dimostrazione che rispetto al compagno di squadra viaggiava molto più scarico, e monta ancora gomme morbide.

Al 17° è ilturno di Heidfeld, poi Rosberg, Coulthard e via via tutti gli altri, compresi i quattro di testa, nell’ordine prima Raikkonen, poi Alonso (ancora gomme dure) che approfitta di quel paio di giri in più per ritrovarsi davanti alle BMW, Massa ed infine Hamilton. Kovalainen si ritrova quindi temporaneamente in testa, ma ovviamente poco dopo tutto torna alla normalità quando rientra per il primo rifornimento. Nel frattempo questa tattica ha giovato nei confronti della BMW di Robert Kubica, che se lo ritrova davanti.

 

Poi, come spesso accade, il nulla. L’unico argomento di interesse è dato dalla manovra effettuata da Massa all’interno dell’abitacolo per togliere dal casco l’appendice aerodinamica superiore che, nel gran caldo di Instanbul, gli procura inaspettate turbolenze.

Così fino al pit stop degli ultimi due, Ralf Schumacher e Takuma Sato, entrambi sulla tattica ad una sola sosta. Nei giri che precedono la seconda finestra di pit Raikkonen si avvicina sensibilmente a Massa (nel finale segnerà anche il giro più veloce) dimostrando se ce n’era bisogno di che pasta è fatto, ma lo sforzo viene vanificato dall’intromissione di qualche doppiato nelle fasi di rimonta. Così si va nuovamente ai pit; primo fra tutti ovviamente Kubica, poi Raikkonen, Heidfeld e Massa. Al 42° giro il colpo di scena, quando sta per entrare ai box Hamilton dechappa la gomma anteriore destra, probabilmente per uno spiattellamento, ed è costretto a ritornare di corsa ai box; questo quando fortunatamente il compagno ne sta appena uscendo.

 

L’imprevisto costa all’inglese la terza piazza in gara; rientra in pista quinto dietro Heidfeld e davanti a Kovalainen, Rosberg e Kubica, scivolato anche dietro il tedesco della Williams, e queste saranno le posizioni anche all’arrivo, con Kovalainen che non riesce a riprendere un Hamilton che soffre negli ultimi giri per un assetto aerodinamico non ottimale a causa dall’inconveniente tenico di cui sopra.

Quindi terza vittoria stagionale per Massa, che appaia in questo dato gli altri tre contendenti per il titolo; in classifica si avvantaggiano gli inseguitori di Hamilton. Nei costruttori riduce il gap la Ferrari con diciotto punti contro dieci, in attesa della sentenza del tribunale d’appello della FIA per i punti McLaren in Ungheria. Prossimo appuntamento il 9 settembre a Monza per il GP d’Italia

 

Piero Lonardo

 

 

 

Classifica Gara

 

 

1F. MassaFerrari 1:26:42.161
2K. RäikkönenFerrari + 2.275
3F. AlonsoMcLaren + 26.181
4N. HeidfeldBmw + 39.674
5L. HamiltonMcLaren + 45.085
6H. KovalainenRenault + 46.169
7N. RosbergWilliams + 55.778
8R. KubicaBmw + 56.707
9G. FisichellaRenault + 59.491
10D. CoulthardRed Bull + 1:11.009
11A. WurzWilliams + 1:19.628
12R. SchumacherToyota + 1 giri
13J. ButtonHonda + 1 giri
14A. DavidsonSuper Aguri + 1 giri
15V. LiuzziToro Rosso + 1 giri
16J. TrulliToyota + 1 giri
17R. BarrichelloHonda + 1 giri
18T. SatoSuper Aguri + 1 giri
19S. VettelToro Rosso + 1 giri
20S. YamamotoSpyker + 2 giri
21A. SutilSpyker + 5 giri

 

 

* Clicca qui per vedere la Classifica di Campionato

 

 

Nella foto, Felipe Massa


Stop&Go Communcation

Per il dodicesimo appuntamento della massima espressione dello sport automobilistico su pista, la Formula 1 si è riunita sul circuito […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/mass_turc1.jpg GP Turchia: Gara, Dominio assoluto di Felipe Massa