Dopo lunghi mesi di tira e molla, sembra giunta alle battute finali la lunga telenovela sulla conferma nel calendario di Formula 1 del GP d’Italia. Monza, però, non si arrende e si dice convinta di mantenere la gara sul tracciato brianzolo.

Al momento l’unico accordo vero è quello tra Imola ed Ecclestone: “Stiamo cercando di risolvere il problema di Monza, ma è molto difficile perché è un problema politico. Stiamo lavorando per trasferire il Gran Premio d’Italia a Imola, ma se non ci riusciamo sarà addio. Loro (Imola, ndr.) hanno firmato il contratto, ma io non posso sottoscriverlo perchè ACI non è disposta a mettere la propria firma”, ha sentenziato il patron del circus.

A bloccare la chiusura della trattativa continua ad essere la predilezione per la pista monzese del presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, che alle parole di Ecclestone ha così replicato: “In queste ultime ore abbiamo definitivamente risolto tutti i problemi che c’erano con gli Enti territoriali: la Regione, il Comune di Milano e di Monza e l’Ente Parco. Abbiamo trovato un accordo tra Aci Milano e Sias e stiamo predisponendo un’offerta vincolante da inviare alla Fom, entro i primi giorni della prossima settimana, probabilmente martedì. A questo punto non ci sono più problemi politici”, lasciando intendere che forse, finalmente, la noiosa querelle sul futuro del GP d’Italia sta per concludersi.

Federico Fadda


Stop&Go Communcation

Sembra ormai scongiurata l’uscita della tappa italiana dal calendario 2017, ma la battaglia con Monza è ancora aperta.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/07/Imola02.jpg GP d’Italia a Imola, arriva l’ok di Ecclestone