Sembra destinato ad intensificarsi il legame tra l’attuale team Renault (ufficialmente Lotus Renault GP) e il Group Lotus. Durante il week-end di Suzuka sono circolate voci che vorrebbero Genii Capital, attuale proprietaria della squadra, acquisire una quota azionaria del costruttore britannico, già divenuto sponsor di riferimento in questa stagione.

Dany Bahar, amministratore delegato della Lotus, di fatto non ha smentito questo scenario: “Posso soltanto dire che, quando abbiamo annunciato il nostro coinvolgimento nella squadra, abbiamo chiarito che si trattava soltanto dell’inizio di una relazione molto stretta. Questa avventura adesso continua”, ha dichiarato al settimanale Autocar.

Il team principal Eric Boullier invece, ha aggiunto: “È un’altra indiscrezione, e mi piace”.

Lo scenario pare una conseguenza logica del cambio di identità che si appresta a vivere la scuderia di Enstone, che dal 2012 dovrebbe definitivamente adottare il nome Lotus. La disputa con il Team Lotus di Tony Fernandes, che ha caratterizzato questi mesi, sarebbe ormai vicina ad una risoluzione amichevole, con la compagine rivale pronta a diventare “Caterham”.

Per avere il via libera ci vorrà il consenso di tutte le altre squadre concorrendi, e la proposta formale sarà avanzata a novembre nel prossimo meeting della F1 Commission. In occasione del Consiglio Mondiale di dicembre, poi, dovrebbe giungere la ratifica della FIA.

“Semplicemente qualcuno vuole che questa operazione venga fatta rispettando la procedura e per un giusto scopo. Nient’altro”, ha spiegato Boullier, dato che un cambio di nome è una prassi non particolarmente incoraggiata, se non per casi eccezionali. E quello di avere due Lotus in Formula 1, in effetti, lo è.


Stop&Go Communcation

Sembra destinato ad intensificarsi il legame tra l’attuale team Renault (ufficialmente Lotus Renault GP) e il Group Lotus. Durante il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/11/f1-101011-03.jpg Genii Capital azionista del Group Lotus? Il team verso il cambio di nome