Dopo molti Gran Premi sottotono, nei quali sembrava essere entrato in una crisi assolutamente profonda, Jenson Button è finalmente risorto dalle ceneri per conquistare un podio che ormai mancava dalla Cina. L’inglese ha raccolto un’importante 2° posizione grazie anche alla penalità di 20” inflitta a Sebastian Vettel per il sorpasso da lui subito in modo irregolare, poiché avvenuto tutto fuori dal tracciato regolamentare.

Sull’alfiere della McLaren è dunque riapparso il sorriso dopo parecchio tempo: “Ho avuto una gara davvero buona e mi sono proprio divertito – ha affermato alla stampa – Ho fatto una buona partenza, ho compiuto dei buoni sorpassi su Nico Hulkenberg e Michael Schumacher e ho avuto un bel passo per tutto il pomeriggio. Il sorpasso di Sebastian Vettel è stata una questione molto semplice: le regole dichiarano che tu non puoi andare fuori dal tracciato per avere un vantaggio. Il fatto è che ci sarebbero state altre opportunità per lui prima della fine della corsa poiché le mie gomme posteriori erano danneggiate”.

Button evidenzia anche la ragione per la quale si è trovato in crisi di pneumatici verso il termine: “Quello è stato dovuto al fatto che ho spinto forte per cercare di prendere Fernando Alonso, il che è significato che non avessi più nulla per la fine della gara – ha specificato – Abbiamo proprio finito le gomme due giri prima della bandiera a scacchi. Ci sono comunque due aspetti positivi da portare via oggi: per prima cosa, sebbene si sia dimostrato che è molto difficile superare, siamo lì con Ferrari e Red Bull in termini di velocità. Per seconda cosa, nonostante ci siano stati in precedenza alcuni discorsi negativi sui nostri pit-stop, i ragazzi oggi hanno fatto un lavoro incredibile”.

Jenson poi scende nel dettaglio su questi aspetti: “Il nostro pacchetto di aggiornamenti sta lavorando bene: se possiamo risolvere le difficoltà in qualifica, siamo nel mezzo, e avremo buone chance di vincere corse questa stagione – ha messo in luce in conclusione – Inoltre, per i pit-stop, il mio più veloce è stato di 2.31 secondi, un battito di ciglia, e, mi è stato detto, il più veloce pit-stop della storia. Sono stati fenomenali e hanno dato assolutamente ogni cosa oggi: tutti i nostri sforzi stanno per essere ripagati ora. Non vedo l’ora dell’Ungheria: è un posto speciale per me, e mi sento proprio incoraggiato dal fatto che potremo avere un’altra gran gara il prossimo fine settimana”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Dopo molti Gran Premi sottotono, nei quali sembrava essere entrato in una crisi assolutamente profonda, Jenson Button è finalmente risorto […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-220712-button.jpg Finalmente Jenson Button di nuovo sul podio: “Siamo lì con Ferrari e Red Bull”