A pochi giorni dal GP di Monaco, la politica tiene ancora banco in F1. In queste ore le autorità legali francesi stanno valutando l’azione legale della Ferrari contro i cambiamenti regolamentari varati dalla FIA per il 2010. La Scuderia di Maranello si è recata a Parigi forte del proprio diritto di veto sull’introduzione di nuove regole tecniche, diritto di cui gode dal 1998 e che ritiene sia stato violato da Mosley con il suo budget cap. 

Alcune fonti rivelano che il verdetto di questa udienza potrebbe conoscersi solo alla fine della settimana, e che anche una vittoria della Ferrari non risolverebbe la questione in breve termine. Tuttavia Mosley si mostra ottimista ed è convinto che il diritto di veto della Ferrari non possa considerarsi valido per due motivi: la Scuderia di Maranello non vi fece ricorso quando ne ebbe la possibilità (nella riunione del 17 Marzo), e l’entrata nell’Associazione dei Costruttori, la FOTA, sancisce di fatto una rottura con la FIA, con il conseguente decadimento del diritto di veto. 

In più il Presidente della FIA sostiene che l’eventuale perdita della Ferrari nel Campionato del Mondo di F1 non arrecherà alcun danno alla categoria: “Una volta ho detto che loro sono il team più importante, e questo è stato subito interpretato come se riservassimo loro un trattamento di favore, cosa che non abbiamo mai fatto”, ha detto Mosley, “loro corrono con le stesse regole di chiunque altro. Dal punto di vista mediatico sono il team più importante, e questo si traduce nel fatto che ricevono più soldi di tutti dal contratto con Bernie [Ecclestone]. Ma l’idea che siano indispensabili è assolutamente senza senso. E’ un po’ come il povero Senna. Lui era il pilota più importante nel 1994 ma quando sfortunatamente morì, la F1 andò avanti. Anche la Lotus era importante, anche la Brabham, e la Maserati negli anni ’50”.   

In attesa di conoscere la sentenza di Parigi, i membri della FOTA si incontreranno nel venerdì di Monaco per discutere la linea da tenere di fronte all’insistenza della FIA circa l’introduzione del budget cap di 40 milioni di sterline a partire dall’anno prossimo.

 

Francesco Saverio Dambrosio


Stop&Go Communcation

A pochi giorni dal GP di Monaco, la politica tiene ancora banco in F1. In queste ore le autorità legali […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/mosley6.jpg Ferrari contro Mosley sotto la Torre Eiffel