Per Fernando Alonso il GP del Bahrain si è concluso con un 7° posto che sicuramente migliora la brutta gara, strategia compresa, compiuta in Cina. Per lo spagnolo 4 punti che gli consentono di rimanere a galla nella classifica generale perché, grazie a continui rimescolamenti al vertice, la leadership del Mondiale di Sebastian Vettel è distante appena 10 punti, nonostante una vettura per il momento parecchio inferiore rispetto alle prime.

Lo stesso ferrarista sa bene come il bilancio sia discreto, sebbene ci sia molto da migliorare: “È andata un po’ meglio di quanto temessimo e siamo riusciti a limitare i danni – ha detto – Eravamo arrivati qui con un ritardo di 8 punti dalla vetta del Campionato e ripartiamo con soltanto 2 lunghezze in più. Finire questa serie di 4 gare in questa posizione è positivo anche se, inutile nasconderlo, non possiamo essere complessivamente contenti. Ora è chiaro che dobbiamo fare un passo avanti perché non è che possiamo sempre contare sulle disgrazie altrui. Ad esempio oggi abbiamo guadagnato punti sulla McLaren, una cosa a cui, se me l’avessero detta ieri, non avrei assolutamente creduto. Allo stesso tempo, abbiamo terminato la gara a quasi un minuto dal vincitore, il che non era mai accaduto quest’anno”.

La tensione della gara si legge nelle parole di Alonso, che con le unghie e con i denti rimane attaccato alle prime posizione: “Mi aspettavo una Lotus molto competitiva perché lo era stata per tutto il fine settimana – ha analizzato in seguito – Finora c’è andata bene perché non c’è stato un pilota che abbia fatto il pieno, com’era accaduto ad esempio lo scorso anno. Per quanto riguarda la gara non posso dire delle cose diverse rispetto a quanto detto otto giorni fa a Shanghai: la macchina è praticamente la stessa. In alcuni momenti andavamo forte, in altri molto meno, tutto in funzione del rendimento degli pneumatici. Ci manca velocità di punta e nei duelli ravvicinati questo si paga”.

Infine le ultime analisi sono state rivolte verso gli episodi vissuti, con la mente però proiettata al futuro: “Quanto all’episodio con Rosberg, posso soltanto dire che se invece di una via di fuga così ampia ci fosse stato un muro allora non so se saremmo qui a fare commenti – ha detto un po’ stizzito – Peccato per quel rettilineo che mi è mancato per riuscire a superare Di Resta nel finale: avremmo potuto guadagnare qualche punticino in più che avrebbe fatto comodo. L’ho detto prima, dobbiamo migliorare la macchina al più presto: a Barcellona avremo delle importanti novità ma anche gli altri ne avranno e quanto saremo stati bravi lo scopriremo solo in pista al Montmelò”.


Stop&Go Communcation

Per Fernando Alonso il GP del Bahrain si è concluso con un 7° posto che sicuramente migliora la brutta gara, […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/04/f1-220412-alonso.jpg Fernando Alonso vede il bicchiere mezzo pieno: “Meglio di quanto temessimo”