Fernando Alonso continua a regalare emozioni ai tifosi ferraristi in questa stagione, con il 3° successo del 2012 ottenuto sul tracciato di Hockenheim. Rispetto agli altri due trionfi, in Malesia e a Valencia, quella odierna è una vittoria ottenuta in circostanze normali da gara, con la Ferrari che è riuscito a rimanere davanti a Red Bull e McLaren durante il weekend sia sul bagnato che con l’asciutto.

Il risultato odierno è frutto anche della bravura di pilota e team: “È stata una gara molto tirata, dall’inizio alla fine – ha ammesso Alonso nel paddock – Non avevamo la macchina più veloce, McLaren e Red Bull avevano qualcosina in più ma non abbastanza per superarci. La squadra ha preso un paio di decisioni strategiche molto azzeccate in occasione delle due soste e io sapevo che dovevo concentrarmi soprattutto sulla curva 6, difendendomi con il KERS; dopo, nel terzo settore, non c’è più spazio per superare. Ho cercato per quanto possibile di gestire le gomme, in ogni situazione. Chiaro, non sono mai stato rilassato ma credo che fossi più tranquillo della squadra nel box e al muretto o dei nostri tifosi davanti alla televisione!”.

Alonso vuole sempre mettere in  luce i passi da gigante compiuti dalla Ferrari in pochi mesi: “Se penso a dov’eravamo a Jerez o in Australia alla prima gara devo ringraziare tutta la gente di Maranello che ha reagito in maniera fantastica – ha raccontato in seguito – Dopo la pole di ieri, sul bagnato la macchina sembra essere fortissima, come ci aspettavamo, dovevamo rimanere concentrati, non avere problemi di affidabilità o al pit-stop e so che, per questo, posso contare sulla squadra migliore, abituata a vincere tanto. Io devo pensare soltanto a guidare e ad aiutare la squadra. Voglio dare sempre il 100% e lavorare giorno e notte per questo obiettivo”.

Il vantaggio sulla Red Bull è aumentato nettamente, ma Fernando rimane concentrato: “Non voglio che nessuno arrivi in Ungheria preparato fisicamente e mentalmente meglio di me o più motivato di me: cerco sempre di vincere questa competizione che si svolge fuori dalla pista – ha aggiunto al termine – A Budapest mi aspetto di andare bene, non ci sono motivi per essere pessimisti. Non dimentico però che Red Bull e McLaren erano più veloci. Avevamo detto che luglio sarebbe stato un mese cruciale, con 75 punti in palio in quattro settimane: ne abbiamo portati a casa 43, cerchiamo di completare l’opera in Ungheria”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Fernando Alonso continua a regalare emozioni ai tifosi ferraristi in questa stagione, con il 3° successo del 2012 ottenuto sul […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-220712-alonso.jpg Fernando Alonso tenta la prima fuga: “In Ungheria per completare l’opera!”