In Ferrari si lavora a ritmi frenetici in vista dell’inizio del Mondiale che avverrà fra meno di due settimane all’Albert Park di Melbourne. Gli uomini della scuderia si sono ritrovati già da questa mattina a Maranello per analizzare i dati raccolti nell’ultima sessione di test al Montmelò, assieme anche a Fernando Alonso e Felipe Massa.

Nel pomeriggio il primo a parlare della situazione attuale è stato Stefano Domenicali, Team Principal della squadra: “È ovvio che non possiamo essere contenti di come sono andate le prove rispetto a quelli che erano i nostri obiettivi ma non dobbiamo nemmeno dimenticarci che il Campionato deve ancora iniziare – ha detto ai media – Questa è soltanto la base di partenza e davanti a noi c’è una stagione lunghissima. Sappiamo che ci sono delle aree su cui dobbiamo lavorare tantissimo, sia come affidabilità che come prestazione, ma mi aspetto da tutti voi una grande reazione e la voglia di dimostrare chi siamo”.

Poi Alonso ha voluto parlare a tutto il gruppo: “Innanzitutto voglio ringraziare tutti voi per il lavoro svolto. Sono stati mesi e settimane molto intensi e so che ce la state mettendo tutta, lavorando 24 ore su 24 in pista e qui in fabbrica per dare a me e a Felipe una macchina forte – ha affermato – La nuova vettura ha delle caratteristiche difficili da capire e forse non siamo dove avremmo voluto essere ma tutti noi abbiamo tante stagioni di Formula 1 alle spalle e sappiamo bene che, finché non siamo in Australia, non sapremo davvero dove siamo rispetto agli altri. Ci sono tante voci, tante idee ma nessuno sa davvero la verità. Ad esempio, ieri la Red Bull che tutti indicano come la favorita ha fatto pochissimi giri e l’ultimo tempo: se fosse accaduta a noi una cosa del genere sarebbe scoppiato un putiferio invece nessuno si è scomposto più di tanto”.

Tuttavia, come suo solito, Fernando cerca di spronare il team e vedere il bicchiere mezzo pieno in ottica futura: “Adesso più che mai c’è bisogno dell’impegno di tutti per migliorare, da chi fa lo specchietto a chi si occupa del pistone del motore – ha aggiunto in conclusione – Stiamo uniti e diamo il massimo perché tutti vogliamo la stessa cosa. Voglio solo ricordarvi un episodio di due anni fa: all’ultimo test di Barcellona eravamo quinti dietro la Red Bull, la McLaren, la Sauber e la Force India e due settimane dopo abbiamo fatto doppietta in Bahrain. Quello che conta non è essere primi alla prima gara ma esserlo a novembre, alla fine del campionato…”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

In Ferrari si lavora a ritmi frenetici in vista dell’inizio del Mondiale che avverrà fra meno di due settimane all’Albert […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-050312-alonso.jpg Fernando Alonso sprona il team: “Serve l’impegno di tutti per migliorare”