Fernando Alonso l’aveva detto ieri: “Oggi a me, domani a qualcun altro”. E così è stato. Il Gran Premio di Monza è stato luogo di una corsa avvincente che ha premiato Lewis Hamilton, ma dove lo spagnolo ha potuto rafforzare il suo primato nella classifica generale, grazie anche ai ritiri di alcuni rivali pericolosi. E visti i problemi vissuti nell’arco dell’intero fine settimana, c’è da portare a casa questo podio e tenerselo ben stretto.

Proprio Alonso non nasconde la gioia per l’importanza di questo 3° posto: “Una domenica perfetta per il Campionato, quasi come un film a lieto fine: un altro piazzamento sul podio, tre degli avversari diretti a secco e vantaggio sul più immediato inseguitore aumentato – ha analizzato con precisione chirurgica – Resto convinto che, senza il problema in qualifica di ieri, avremmo sicuramente avuto delle grandi chance di partire in pole position: se dovessimo essere altrettanto competitivi il sabato anche sulle prossime piste sarebbe importantissimo per il finale di stagione. Dobbiamo cercare di vincere ancora qualche gara e di gestire il vantaggio che abbiamo in classifica”.

Ora il mirino dello spagnolo si è spostato nuovamente, sebbene in gara ci siano stati attimi di tensione: “Qui dovevamo marcare Vettel ma a Singapore sarà importante tenere d’occhio Hamilton, ora al 2° posto – ha puntualizzato a proposito – Quando mi sono trovato a lottare con Vettel sono andato fuori pista e la macchina da quel punto in avanti non era più quella di prima. Non è stato piacevole saltare sulla ghiaia ma, successivamente, sono comunque riuscito a superarlo qualche giro più tardi. Non voglio commentare la sanzione che lì ha ricevuto ma sicuramente la sua è stata un’azione al limite”.

La partenza è stata una fase decisiva per il GP di Fernando: “I primi giri sono stati decisivi per la mia gara – ha infine raccontato – Ho fatto alcuni sorpassi, a Kimi (Raikkonen, ndr), Di Resta e Michael (Schumacher, ndr), e ritrovarmi al 6° posto quasi subito ha messo la gara su un binario più agevole. Correre a Monza con la Ferrari e salire sul podio rappresenta qualcosa di speciale: guidare una Rossa è diverso perché i tifosi sono eccezionali. Se gli si dicesse di non mangiare per dei giorni per avere la possibilità di guidare una macchina di Maranello lo farebbero e sono queste le cose che rendono la passione per la Ferrari unica al Mondo”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Fernando Alonso l’aveva detto ieri: “Oggi a me, domani a qualcun altro”. E così è stato. Il Gran Premio di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/f1-090912-alonso.jpg Fernando Alonso rafforza il suo primato: “Come un film a lieto fine”