Fernando Alonso giunge al Gran Premio di Germania da leader della classifica iridata. Dopo aver velocemente smaltito la delusione di non aver vinto a Silverstone proprio negli ultimi giri, lo spagnolo ha riflettuto a mente fredda su un periodo davvero positivo per lo spagnolo, con 5 podi nelle ultime 6 corse: una costanza che gli ha consentito di scavalcare tutti i rivali attualmente e di provare a mantenerli a debita distanza, a cominciare dalle Red Bull.

L’atteggiamento mantenuto dal pilota di Oviedo rimane sempre lo stesso, ovvero il basso profilo: “È più o meno la stessa cosa delle ultime quatto o cinque gare – ha affermato in conferenza stampa – Chiunque sia in testa al Campionato non è un fattore importante al momento perché tutto sta cambiando così rapidamente, le posizioni nei fine settimana di gara non sono mai le stesse e c’è sempre un po’ di “confusione”. Quindi mi sto avvicinando a questo Gran Premio nello stesso modo, cercando di massimizzare quello che abbiamo nelle nostre mani e cercando di testare i nuovi aggiornamenti che abbiamo in vettura, che ci auguriamo possano funzionare”.

Alonso avanza la sua ipotesi su chi finora abbia mostrato il maggior potenziale: “È vero che le Red Bull sono state forse le più veloci di tutti, non solo nelle ultime due o tre gare, ma già dal Bahrain – ha messo in evidenza – Hanno mancato la pole position a Barcellona e Silverstone, ma le rimanenti le hanno fatte tutte loro. Quindi sono sicuramente un po’ più avanti in termini di prestazioni e dobbiamo recuperare”.

Il ferrarista inoltre sta guidando come non mai, come ammette nelle sue parole: “In Formula 1 si è probabilmente un pilota migliore ogni anno perché ci si perfeziona e si impara dagli errori, quindi sono sicuro che il prossimo anno andrà ancora meglio – ha spiegato ai microfoni – Ma è anche vero che questo Campionato è stato finora positivo per noi. Ricordo l’errore commesso in Q2 in Australia dove ho sfiorato l’erba alla prima curva e sono andato in testacoda. Ma a parte quello sbaglio probabilmente non cambierei molte cose di quanto fatto. Ed è una buona notizia perché ci sono sempre errori qua e là. Posso quindi ritenermi soddisfatto delle mie performance”.

Un discorso simile vale per l’aspetto fisico, caratterizzato da una forma invidiabile: “Fisicamente, finora, è il mio anno migliore – ha concluso Fernando – Nelle precedenti stagioni è capitato che dovessi correre accompagnato dal dolore, magari alla gamba o alla spalla, ma quest’anno sono stato al 100% in ogni gara. Speriamo che rimanga così. Ovviamente la vita di un pilota non è “normale” poiché non andiamo in ufficio per 8 ore. Ci svegliamo e svolgiamo 4 o 5 ore di allenamento. Qualcosa che mi piace, e posso dire di non essere mai stato così in forma nella mia carriera”.

M;ttia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Fernando Alonso giunge al Gran Premio di Germania da leader della classifica iridata. Dopo aver velocemente smaltito la delusione di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/f1-190712-alonso.jpg Fernando Alonso carico per Hockenheim: “Questo è il mio anno migliore!”