Ormai ci siamo, meno di tre giorni ed i motori si accenderanno, anche per Fernando Alonso che vuole prendere per mano la Ferrari e trascinarla verso la vetta delle classifiche. Il compito è arduo, dopo una stagione difficile e test invernali che non hanno dato le risposte desiderate, ma lo spagnolo di Oviedo crede nelle sue possibilità ed in quelle del gruppo, e come sempre prova ed ergersi come trascinatore della squadra.

Alonso è pronto a scendere in pista, conscio che la F112 ha ancora molti margini di miglioramento: “Non vedo l’ora di iniziare questo primo fine settimana di gara – ha detto – Quest’anno ho avuto ancora meno tempo a disposizione per guidare la vettura, visto che i test precampionato sono stati ulteriormente accorciati: sei giorni non sono certo sufficienti per soddisfare la mia voglia di guidare! L’ho detto diverse volte in passato: il nostro è l’unico sport dove è vietato allenarsi. Mica si chiede a Nadal di provare una nuova racchetta solo per sei giorni o a un calciatore di allenarsi sei volte prima della Coppa del Mondo! Ci piacerebbe fare più prove ma non a discapito delle gare perché non c’è nulla di meglio della competizione”.

Da animale delle competizioni, l’asturiano fiuta l’aria della sfida: “Dopo tanti chilometri passati a provare e riprovare, finalmente si comincia a risentirne l’odore – ha aggiunto – Mi manca l’emozione della qualifica, l’eccitazione di essere sulla griglia di partenza in attesa dello spegnimento dei semafori, l’adrenalina di tuffarsi nella prima curva, insomma tutto quello che rende la Formula 1 uno sport eccezionale. È sempre difficile trarre delle conclusioni nei test. Ognuno lavora seguendo il proprio programma e non si possono fare confronti reali. Sicuramente dobbiamo migliorare ancora molto, lavorare sulla conoscenza della F2012, adattare il più possibile lo stile di guida ad una macchina che, con il carico aerodinamico perso sul retrotreno e le nuove gomme Pirelli, è un po’ più difficile da guidare”.

Comunque il ferrarista non vuole scaldare troppo gli animi, evidenziando la realtà dei fatti: “Sappiamo in che direzione dobbiamo sviluppare la monoposto, questo è importante – ha proseguito nella disamina – Certo, ci sarà da stringere i denti in queste prime gare ma prima dobbiamo vedere dove siamo esattamente come competitività e poi dare il massimo per portare a casa più punti possibile in questa fase iniziale del campionato. So che i tifosi si aspettano sempre di sentirci dire che siamo in grado di raggiungere questo o quel risultato ma la verità è che non possiamo dire con certezza dove siamo: aspettiamo sabato pomeriggio alle sei, dopo le qualifiche, e ancora di più, la fine di questo primo ciclo di gare extraeuropee”.

Nonostante le perplessità ed un atteggiamento molto umile, Fernando alla fine lascia sempre spazio al suo essere ottimista: “Dobbiamo rimanere freddi e calmi e fare un passo dopo l’altro, a cominciare dalla gara di Melbourne, dove avremo una prima idea – ha messo infine in evidenza – Una volta capito dove siamo allora potremo darci degli obiettivi più definiti. Quello che è certo è che con la voglia di vincere che caratterizza ognuno di noi in Ferrari e con la storia che abbiamo alle spalle sentiamo la responsabilità di fare bene: per noi, per i nostri tifosi e per i nostri partner e questo è il desiderio di tutti. Dobbiamo lavorare tutti insieme per raggiungere questo obiettivo”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Ormai ci siamo, meno di tre giorni ed i motori si accenderanno, anche per Fernando Alonso che vuole prendere per […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/f1-130312-alonso.jpg Fernando Alonso avvisa tutti: “Dobbiamo stringere i denti per dare poi il massimo”