Esattamente 30 anni dopo papà Keke, Nico Rosberg vince il Gran Premio di Montecarlo di Formula 1. Un weekend da favola per il pilota tedesco, imbattibile sin dalle prime prove libere e oggi sempre al comando di una gara tutt’altro che semplice dal punto di vista psicologico, a causa delle numerose interruzioni.

Per Rosberg è la seconda vittoria in carriera dopo quella del 2011 in Cina, la prima stagionale per una Mercedes che, finalmente, è riuscita a lasciare il segno anche in gara dopo quattro pole-position consecutive.

“Sognavo da bambino di vincere qui, per le strade dove ho sempre vissuto. È semplicemente fantastico, faccio fatica a credere che sia davvero successo e forse ci vorrà un po’ di tempo per rendermene conto”, ha ammesso Nico. “Devo dire grazie alla squadra per la macchina che abbiamo avuto a disposizione in questo fine settimana, dando seguito alla competitività mostrata in qualifica”.

“La mia partenza non è stata delle migliori, Lewis (Hamilton, ndr) e Seb (Vettel, ndr) erano piuttosto vicini, ma sono stato in grado di tenere il mio ritmo. Dopodiché si è trattato di rimanere concentrato tra tutti i vari incidenti. Il team ha fatto un ottimo lavoro tenendomi sempre aggiornato su cosa succedeva”.

E adesso si può pensare in grande? “Spero che a questo successo ne seguano tanti altri…”, ha concluso Rosberg.


Stop&Go Communcation

Esattamente 30 anni dopo papà Keke, Nico Rosberg vince il Gran Premio di Montecarlo di F1. Un weekend da favola per il tedesco, che racconta la sua gioia.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/05/f1-rosberg-260513-02.jpg Felicità Rosberg: “Sognavo da bambino di vincere a Monaco”