Bernie Ecclestone vuole che la Formula 1 torni quest’anno in Bahrain, dopo la cancellazione dei test e del Gran Premio (così come le gare di GP2 Asia) nel 2011 a causa delle rivolte nel paese. Dal piccolo stato mediorientale continuano ad arrivare notizie poco rassicuranti, ma il padrone del Circus non è dello stesso avviso.

“Molte persone parlano male di questa parte del mondo, ma il Bahrain è il paese arabo in cui ci sono meno problemi”, ha affermato Ecclestone al quotidiano austriaco Salzburger Nachrichten.

“Mister E” non è preoccupato nemmeno dalle difficoltà che stanno vivendo altri eventi del calendario (Corea, Spagna, Germania e Stati Uniti), ribattendo: “Potremmo siglare oggi un accordo con cinque nuovi organizzatori. La richiesta è elevata, in particolare dal Messico”.

“Fare più gare però porta più costi, anche per i team che probabilmente dovrebbero espandere di parecchio il proprio staff. Ma possiamo trovare delle soluzioni”.


Stop&Go Communcation

Bernie Ecclestone vuole che la Formula 1 torni quest’anno in Bahrain, dopo la cancellazione dei test e del Gran Premio […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/f1-230112-02.jpg Ecclestone sostiene il ritorno in Bahrain della F1