Giornata da dimenticare per Mark Webber a Shanghai. Dopo lo stop in qualifica, a causa del quale non era andato oltre il 14° tempo in Q2, il pilota australiano ha avuto un’altra doccia fredda: domani sarà costretto a partire dall’ultima posizione in griglia.

Sulla sua Red Bull, infatti, non è stato rilevato il quantitativo minimo di carburante richiesto (3 chilogrammi) per le verifiche tecniche, dovuto a una anomalia con il serbatoio che non ha permesso di rilevare correttamente il livello di benzina a bordo.

“Purtroppo in Q2 la quantità di carburante necessaria non è stata completamente erogata”, ha spiegato il team principal Christian Horner. “La macchina è rimasta così a secco. Il serbatoio è stato immediatamente isolato per ulteriori analisi”.

Per Webber si profila quindi un Gran Premio tutto in salita: “Ci serve un po’ di fortuna, cercheremo comunque di ottenere qualcosa di buono. È molto deludente: la Q1 era andata bene, mi trovavo a mio con la macchina”.

“In Q2 abbiamo perso pressione con il carburante, così ho dovuto spegnere il motore senza poter rientrare ai box. Mi sono fermato prima che la sessione fosse cominciata davvero”.


Stop&Go Communcation

Dopo lo stop in Q2, Mark Webber è stato arretrato in ultima posizione sulla griglia di Shanghai per la mancanza della quantità minima di benzina nel serbatoio.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/f1-webber-redbull-130413-01.jpg Dopo il danno, la beffa: Webber partirà in ultima piazza