Dopo l’ottima prestazione di Spa, favorita dall’incidente alla prima curva causato da Romain Grosjean, la Toro Rosso è tornata ai suoi standard per la stagione 2012, senza riuscire a marcare punti a Monza. L’australiano Daniel Ricciardo ha cercato di condurre la macchina della scuderia di Faenza in zona punti, ma si è dovuto accontentare di una 12° posizione che non lo ha sicuramente soddisfatto.

Il pilota di origine italiano avrebbe voluto ripetere la prova belga, per dare continuità all’interno di un team in difficoltà: “Domenica a Monza ho finito la corsa prendendo a pugni il volante – ha detto senza mezzi termini – Non è stata una buona giornata. Stavo occupando la 10° posizione all’ultimo giro ed in linea per totalizzare un punto, ma non ce l’ho fatta sino al traguardo. Abbiamo avuto un problema di pressione alla benzina. Questo è stato mal riportato su alcuni media poichè intendevano che avessimo finito il carburante, però questo non era il caso. C’è stato un certo problema nel sistema, e quando ho dato gas nell’ultima curva dell’ultimo giro, non è successo nulla”.

Una delusione difficile da accettare per Ricciardo, soddisfatto delle prestazioni della vettura: “Per 52 giri il Gran Premio d’Italia è stata parecchio buono – ha spiegato nel suo blog – Fisicamente è una delle corse più facili perché se hai bisogno di respirare ci sono lunghi rettilinei dove puoi farlo. In sé quello può essere un problema perché non è un tracciato nel quale vuoi perdere l’attenzione. Tu ti approcci in alcune zone di frenata molto pesanti a velocità alte e  non puoi permetterti di bloccare le gomme in frenata o perdere tempo frenando troppo presto. Devi essere molto attivo”.

Adesso arriva il prossimo appuntamento che sancisce l’avvio del finale di stagione fuori dall’Europa: “Singapore è il successivo, il che significa che passeremo da una delle corse più semplici fisicamente ad una delle più difficili – ha aggiunto al termine – Sono rientrato in Gran Bretagna al simulatore questa settimana per fare un po’ di allenamento leggero. Singapore richiede un bilanciamento insidioso perché vuoi andarci propriamente preparato ma allo stesso tempo non vuoi fiaccare troppe energie con un precedente programma di allenamento molto pesante”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Dopo l’ottima prestazione di Spa, favorita dall’incidente alla prima curva causato da Romain Grosjean, la Toro Rosso è tornata ai […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/f1-150912-ricciardo.jpg Daniel Ricciardo dispiaciuto per Monza: “Ho preso a pugni il volante”