Il Gran Premio della Malesia sarà probabilmente l'ultimo in cui i team di Formula 1 potranno utilizzare specchietti retrovisori esterni alla scocca. La notizia arriva dopo le discussioni che hanno animato il week-end di Melbourne, in cui questa soluzione è stata duramente criticata da diversi piloti, a causa della scarsa visibilità che offre rispetto ad una collocazione tradizionale.

"Devono tornare sulla carrozzeria, come una volta, perché è la migliore posizione. È una questione di sicurezza", ha affermato lo spagnolo Pedro de la Rosa, alfiere della Sauber e tra i volti di spicco della GPDA, il sindacato dei piloti.

Sulla stessa linea Rubens Barrichello: "Abbiamo bisogno di maggiore visibilità, il cambiamento potrebbe arrivare già dopo questo appuntamento".

A collocare per prima i retrovisori sulle pance fu la Ferrari nel 2006, via via imitata anche dalle altre squadre. Quest'idea non è mai divenuta in ogni caso uno standard di fatto: ancora adesso McLaren, Mercedes, Renault, Lotus e Virgin sono rimaste fedeli alla tradizione.


Stop&Go Communcation

Il Gran Premio della Malesia sarà probabilmente l'ultimo in cui i team di Formula 1 potranno utilizzare specchietti retrovisori esterni […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f1-010410-01.jpg Dal prossimo Gran Premio i piloti chiedono l’abolizione degli specchietti esterni alla scocca