Problemi economici mettono già in dubbio la futura permanenza nel calendario della Formula 1 dei Gran Premi di Corea del Sud e India: a riportare la notizia è il settimanale Speed Week.

L’appuntamento sul circuito di Yeongam, la cui prima edizione risale al 2010, non è mai stato particolarmente amato nell’ambiente: difficoltà logistiche, numero di spettatori ai minimi termini e il mancato interesse da parte di sponsor locali hanno costituito fin qui note senza dubbio dolenti.

Gli organizzatori coreani hanno un accordo con Bernie Ecclestone fino al 2016, ma già in passato hanno chiesto un adeguamento al ribasso, declinato dal padrone del Circus.

Il colpo di grazia potrebbe essere costituito dalla perdita del supporto fornito dalle autorità locali.

Situazione simile in India, dove la F1 è approdata appena due anni fa. Il Jaypee Group, che ha curato la costruzione del faraonico Buddh International Circuit e la promozione dell’evento, sarebbe infatti sull’orlo della bancarotta. Non a caso, le iniziative collaterali previste inizialmente (come la realizzazione di un mega-complesso sportivo a fianco della pista) sono rimaste nel cassetto.

La copertura finanziaria sarebbe sufficiente per un’altra edizione, quella del prossimo 27 ottobre, che rischia perciò di essere l’ultima.

L’eventuale cancellazione dei due round asiatici sarebbe compensata dagli ingressi di Russia e New Jersey, mantenendo il calendario 2014 su 19 appuntamenti. Uno scenario che risulterebbe molto gradito alle squadre, poco propense, per motivi di budget, a superare le 20 gare a stagione.


Stop&Go Communcation

Problemi economici mettono già in dubbio la futura permanenza nel calendario della Formula 1 dei Gran Premi di Corea del Sud e India.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/f1-yeongam-180613-02.jpg Corea e India già a rischio: fuori dal calendario 2014?