Lewis Hamilton e Nico Rosberg hanno firmato in Messico la sesta doppietta stagionale della Mercedes: partiti dalla prima fila, i due sono sopravvissuti ad una tumultuosa prima curva e da lì hanno fatto valere la superiorità delle loro monoposto rintuzzando gli attacchi della Red Bull nelle fasi centrali di gara.

A spostare gli equilibri della classifica, stavolta, ci pensa la Ferrari e un Sebastian Vettel in grande forma: il tedesco, che per qualche giro è stato anche leader della gara, ha sfruttato una perfetta strategia allungando tantissimo il primo stint mentre tutti i diretti rivali rientravano ai box. Al momento della sosta, Vettel ha potuto così approfittare di una gomma più nuova per rimontare sulle Red Bull e tentare un decisivo attacco al podio: in quel momento una gara tutto sommato soporifera si è improvvisamente accesa, con Daniel Ricciardo (su strategia a due soste) che tentava di rientrare su Vettel e contemporaneamente il tedesco che attaccava a spada tratta su Max Verstappen.

L’olandese, nel momento decisivo dell’attacco di Vettel, ha deciso di tagliare una curva per mantenere la posizione sul podio, rifiutando di cedere il posto al collega della Ferrari nonostante le richieste della sua stessa squadra: sul traguardo, dopo un primo scambio di opinioni dei due dall’abitacolo, arriverà poi la notizia della penalità per Verstappen e del podio per Vettel, che negli ultimi metri si era difeso energicamente proprio su Ricciardo, arrivando anche a contatto con l’australiano. Anche quel contatto è stato investigato dai commissari, ma al momento nessuna notizia ha ancora lasciato la direzione corsa.

Ricciardo per ora avanza al quarto posto, proprio davanti a Verstappen che viene arretrato in quinta posizione: più staccato Raikkonen, sesto e anche lui come Ricciardo su strategia a due soste: il finlandese si è fatto valere nel finale con un bellissimo sorpasso su Nico Hulkenberg, poi finito in testacoda nel tentativo di difendersi ma bravo a ripartire comunque per prendersi la settima posizione, davanti alle Williams di Bottas e Massa e all’idolo locale Sergio Perez, che completa la Top 10 e recupera l’ultimo punto a disposizione.

Città del Messico, Gara –  Classifica:
1. Lewis Hamilton  –     Mercedes      –     1:40:31.402
2. Nico Rosberg  –     Mercedes      –     +8.354
3. Sebastian Vettel –      Ferrari      –     +17.313
4. Daniel Ricciardo      – Red Bull Racing TAG Heuer      –     +20.858
5. Max Verstappen      – Red Bull Racing TAG Heuer  –     +21.323
6. Kimi Räikkönen      – Ferrari      –     +49.376
7. Nico Hulkenberg      – Force India Mercedes  –     +58.891
8. Valtteri Bottas      – Williams Mercedes      –     +1’05.612
9. Felipe Massa       – Williams Mercedes      –     +1’16.206
10. Sergio Perez      – Force India Mercedes  –     +1’16.798
11. Marcus Ericsson      – Sauber Ferrari      –     +1 Giro
12. Jenson Button      – McLaren Honda      –     +1 Giro
13. Fernando Alonso      – McLaren Honda      –     +1 Giro
14. Jolyon Palmer      – Renault      –     +1 Giro
15. Felipe Nasr      – Sauber Ferrari      –     +1 Giro
16. Carlos Sainz      – Toro Rosso Ferrari –     +1 Giro
17. Kevin Magnussen      – Renault      – +1 Giro
18. Daniil Kvyat      – Toro Rosso Ferrari – +1 Giro
19. Esteban Gutierrez      – Haas Ferrari – +1 Giro
20. Romain Grosjean      – Haas Ferrari – +1 Giro
21. Esteban Ocon      – MRT Mercedes – +2 Giri

Ritirati
Pascal Wehrlein  –     MRT Mercedes – incidente

Massimo Caliendo


Stop&Go Communcation

Sesta doppietta stagionale per la Mercedes in Messico: il podio è compleato da un grande Sebastian Vettel, in un finale thrilling con le Red Bull.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/10/mex_gara_ham_2016_2.jpg Città del Messico, Gara: Hamilton-Rosberg, poi pazzesco podio di Vettel