Come a Melbourne, è stato un venerdì difficile quello vissuto a Sepang dai piloti McLaren, ancora inchiodati a metà gruppo. La MP4-28 resta lontana dalla vetta, anche se Jenson Button e Sergio Perez cercano di trarre qualche indicazione positiva.

“Abbiamo raccolto un buon quantitativo di informazioni e su pista asciutta le cose sembrano andare meglio rispetto all’Australia”, racconta il britannico, “ma nonostante questo il nostro ritmo non è all’altezza delle vetture più forti”.

“Abbiamo individuato alcuni progressi in vista di domani. Anche se impegnativa, è stata una giornata utile”.

Button non ha mancato di spronare tutta la squadra, apprezzandone gli sforzi in questo momento delicato: “È molto più facile lavorare su una macchina vincente, piuttosto che su una non del tutto competitiva. I miei complimenti a tutti per l’impegno”.

L’inglese, qui vincitore nel 2009, ha chiuso con il 12° tempo nel pomeriggio, di pochi centesimi dietro al compagno di squadra. Perez ha maturato le stesse impressioni nelle prove libere in Malesia: “La monoposto è cresciuta in confronto a Melbourne, il che è abbastanza incoraggiante considerando che abbiamo gareggiato solo cinque giorni fa, e sembra più forte sia sull’asciutto che sul bagnato”.

Il messicano (2° nel 2012 con la Sauber), in ogni caso, spera nel “pazzo” meteo di Kuala Lumpur per avere qualche chance in più di cogliere un bel risultato: “In paragone agli avversari, non ci dispiacerebbe se dovesse piovere un po’…”.


Stop&Go Communcation

La McLaren resta lontana dalla vetta, ma Jenson Button e Sergio Perez cercano di trarre qualche indicazione positiva dopo le prove libere di Sepang.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/f1-perez-220313-05.jpg Button e Perez vedono la McLaren in leggera crescita