Bruno Senna, dopo tre Gran Premi al volante della Lotus Renault, ha dimostrato di poter competere alla pari con Vitaly Petrov, rispetto al quale ha sorprendentemente fatto sempre meglio nel corso delle qualifiche. Una risposta quindi a tutti gli scettici che avevano storto il naso quando il suo nome è stato accostato a quello della scuderia per sostituire il tedesco Nick Heidfeld.

Adesso si vola in Giappone e Senna è pronto: “Suzuka è uno dei miei circuiti preferiti – ha affermato senza fronzoli – Il miscuglio ad alta e media velocità lo rendono un tracciato molto stimolante. È una di quelle classiche che è cambiata molto poco dalle sue prime apparizioni. Non vedo davvero l’ora di guidare qui, e sono fiducioso di poter mettere di nuovo il mio nome nella schermata dei punti. Sono convinto che la vettura si adatterà meglio rispetto quanto avvenuto a Singapore. Le basse velocità della pista di Marina Bay lo hanno reso il peggior tracciato per noi in termini di prestazioni”.

Il brasiliano, nipote del grande Ayrton, ritiene di avere ancora ampi margini di miglioramento: “Indubbiamente gli altri piloti hanno ancora un’altra mano poiché hanno completato più gare di me – ha dichiarato a riguardo – Ho guidato su tre piste molto differenti finora in condizioni molto diverse, e Suzuka sarà un’altra di quelle gare tradizionali dove possiedo una esperienza limitata. Sto imparando e e sto cercando di raggiungere gli altri piloti sulla griglia, però loro hanno accumulato un bagaglio maggiore di esperienza rispetto a me, ed inoltre hanno una più grande conoscenza delle gomme”.

Comunque Bruno sa quello che vuole per il finale di stagione: “Con gli aggiornamenti che abbiamo pianificato per Suzuka dovremmo essere forti qui, e portare di nuovo entrambe le macchine a punti: quello è il posto al quale apparteniamo – ha proclamato in sintesi – La mia prerogativa è aggiungere più punti al mio nome. Se possiamo ancora migliorare la vettura qua e là, questo ci aiuterebbe. Abbiamo bisogno di rimanere davanti alle scuderie dietro di noi, in particolare la Force India. Se possiamo chiudere il gap con la Mercedes per la 4° piazza, sarebbe una forte spinta per il team ma prima di tutto dobbiamo conservare il 5° posto”.

Mattia Fachinetti


Stop&Go Communcation

Bruno Senna, dopo tre Gran Premi al volante della Lotus Renault, ha dimostrato di poter competere alla pari con Vitaly […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/f1-011011-senna.jpg Bruno Senna: “Dobbiamo conservare il 5° posto nel Mondiale Costruttori”