Il team Brawn Grand Prix, leader nella classifica costruttori con 29,5 punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice Red Bull, mostra un’orgogliosa compattezza in vista del sesto appuntamento stagionale previsto sullo storico circuito di Montecarlo.  

Quello del Gran Premio di Monaco è sempre un fine settimana speciale – ha dichiarato Jenson Button, 14 lunghezze di margine sul compagno di squadra Rubens Barrichello dopo le prime cinque gare del campionato – io vivo qui e ho l’impressione di correre davanti al mio pubblico, esattamente come se mi trovassi in Inghilterra. Arrivare nel Principato con la leadership in entrambi i campionati è fantastico, ma abbiamo visto a Barcellona che il divario tra le scuderie in lotta per le posizioni di vertice è molto limitato. Ritengo potranno esserci diverse vetture a contendersi il successo tra le stradine di Montecarlo. Per quanto mi concerne, il mio stile di guida tende ad essere piuttosto pulito, quindi il prossimo week-end vedrò di risultare un po’ più aggressivo per massimizzare il potenziale dalla BGP001. A Montecarlo è importante essere decisi e meticolosi nell’affrontare le curve, ma non bisogna lasciarsi intimidire dai muretti che costeggiano la pista, anche se è ovviamente necessario tenersi a debita distanza. Di sicuro la concentrazione è indispensabile per tutta la durata della corsa, e ogni minimo errore si paga a carissimo prezzo. Credo ci sarà molta battaglia in qualifica sabato pomeriggio, soprattutto perché scattare davanti rappresenta un notevole vantaggio. La vittoria si costruisce subito dopo la partenza: chi si trova in testa al termine del primo giro ha ottime possibilità di portarsi a casa la coppa del vincitore”. 

L’ottimismo non sembra fare difetto nemmeno a Rubens Barrichello, in procinto di disputare il suo diciassettesimo Gran Premio di Monaco: “Guidare una monoposto di F.1 nel Principato è una sensazione indescrivibile. L’esperienza conta molto a Montecarlo, e a ciò dobbiamo aggiungere che per l’intero week-end ci sarà sicuramente bagarre, in quanto sono diversi i piloti ad avere chance di vittoria. Il circuito, stretto e tortuoso, costituisce una sfida tecnica esaltante anche per gli ingegneri. Per quanto riguarda il team Brawn Grand Prix, cercheremo di avere più downforce possibile, unitamente ad un buon grip meccanico, con l’obiettivo di ottenere la guidabilità ottimale”.  

Ross Brawn, il proprietario del team che porta il suo nome, si rivela invece decisamente più guardingo nell’approccio al Gran Premio di Monaco: “Di certo la pista di Montecarlo è unica nel suo genere. Probabilmente si tratta del week-end più difficile dell’anno, dal momento che ci troviamo nei pressi del centro città e, vista la concitazione, non sempre si riesce a lavorare sulle vetture nel modo migliore. E’ sufficiente commettere un banale errore per gettare al vento tutti gli sforzi fatti, in ogni caso amo questo tipo di competizione, oserei dire quasi esasperata, in grado di rendere la F.1 così speciale rispetto agli altri sport. Credo potremo essere competitivi a Montecarlo, inoltre Button e Barrichello sono due piloti esperti, che dovrebbero fare la differenza sul giro secco e sulla distanza. L’obiettivo qui è sempre quello di ottenere la pole position o comunque di partire il più avanti possibile. Jenson e Rubens sanno cosa significa salire sul podio a Montecarlo, pertanto sono convinto che la determinazione dei nostri piloti ci farà vivere un week-end ricco di emozioni”.

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

Il team Brawn Grand Prix, leader nella classifica costruttori con 29,5 punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice Red Bull, mostra […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/bra3.jpg Brawn GP all’assalto del Gran Premio di Monaco