Alla vigilia del Gran Premio d’Australia, Bernie Ecclestone fa il punto della situazione. Il boss della Formula 1 attende la nuova stagione con la solita emozione, quasi alla pari uno spettatore qualsiasi. “Non ho la minima idea, come chiunque, di chi sarà il più forte! Non è questo ciò che crea la suspense?”, ha rivelato in una intervista concessa al sito ufficiale del campionato. Mister E vede ancora nella Red Bull la favorita: “Sono super competitivi, e dal loro punto di vista il principale avversario sarà la Ferrari”.

Quanto alla Mercedes, forse la rivelazione dell’inverno, Ecclestone è sicuro: “Saranno veloci, sarei sorpreso se non vincessero delle gare per proprio merito. Nei test hanno fatto vedere di essere più forti rispetto a prima”. Guardando in casa McLaren, invece, c’è curiosità per il dualismo tra il giovane Sergio Perez e Jenson Button: “Forse vedremo che il pilota numero due non sarà davvero il numero due, che sarà forte come tutti ritengono. Credo che adesso vedremo un Jenson diverso, per lui potrebbe essere positivo sentirsi il leader della squadra”.

Chi sarebbe il volto ideale per la conquista del titolo? Il poker di Vettel “non sarebbe male, sarebbe positivo come se vincesse qualsiasi altro”, ha risposto diplomaticamente.

Il padre-padrone del Circus ha inoltre lasciato intendere che in futuro il calendario possa ulteriormente distaccarsi dall’Europa, approdando ad esempio in Thailandia e Messico: “Siamo un campionato del mondo, non europeo, e forse potremmo perdere qualche gara europea per andare altrove. Ci sono tantissimi paesi che bussano alla porta, si tratta di trovare i posti giusti per la F1”.

Fra i sogni c’è anche quello di rivedere una donna al via, l’equivalente di ciò che negli Stati Uniti è Danica Patrick: “Lei ha dimostrato che tutto ciò di cui si preoccupa la gente, come la resistenza alla forza G, può essere superato. Ho sempre pensato che una donna in griglia fosse una buona idea”.

Infine, Ecclestone ha parlato delle questioni economiche che interessano la categoria regina. Su tutte, la quotazione in borsa che sembra finalmente vicina: “Lo scorso anno ho ritenuto che i mercati non fossero pronti, ma ora è più probabile che ci sia un’opportunità. Più o meno nei prossimi tre mesi si deciderà”.

Infine, qualche parola sui motivi dell’uscita della HRT: “Non si trattava di cattiva gestione, ma di costi eccessivi che non potevano essere sostenuti. Non c’erano persone pronte a investire altro denaro, per questo si sono fermati”.


Stop&Go Communcation

Alla vigilia del GP d’Australia, Bernie Ecclestone fa il punto della situazione. Il boss della Formula 1 attende la nuova stagione ma guarda anche al futuro.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/03/f1-130313-01.jpg Bernie Ecclestone: “Non ho idea di chi sarà il più forte!”