Rubens Barrichello, dopo l’odissea che ha vissuto, si è detto sollevato di essere finalmente giunto in Australia. Il brasiliano doveva partire dall’aeroporto di Buenos Aires, ma a causa di un problema interno lo scalo è andato in tilt, provocando lo stop di tutti i voli.

Il pilota della Williams ha quindi deciso di raggiungere Santiago (Uruguay) in barca per partire da lì, ma richiamato dallo scalo argentino ha optato per tornare indietro, riuscendo a decollare con 15 ore di ritardo.

“Finalmente sono qui” – ha detto Rubinho alla stampa di Melbourne – “è stato davvero un incubo. L’aeroporto affollatissimo con gente che urlava dappertutto, la decisione di andare a Santiago che mi è stata sconsigliata mentre stavo già per raggiungere il porto. Una vera odissea, l’importante ora è essere qui e aver dormito abbastanza per essere in piena forma per la gara”.

Andrea Carrato


Stop&Go Communcation

Rubens Barrichello, dopo l’odissea che ha vissuto, si è detto sollevato di essere finalmente giunto in Australia. Il brasiliano doveva […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Barrichello_24_03.jpg Barrichello, bloccato in Argentina, ha raggiunto Melbourne: “Un incubo!”